RAI 2 CELEBRA “STRAVINSKY’S LOVE”

RAI 2 CELEBRA “STRAVINSKY’S LOVE”

By Martina Servidio

RAI 2 CELEBRA “STRAVINSKY’S LOVE”

Rai 2 celebra Igor Stravinsky (1882-1971) nel 50° anniversario della sua morte con STRAVINSKY’S LOVE un programma di Domenicantonio Minasi e Stefano Cacciagrano in collaborazione con Paola Rosmini, con la regia di Giovanni Caccamo e con la direzione artistica di Daniele Cipriani.

L’evento è prodotto dalla Fondazione Teatro Carlo Felice in collaborazione con DANIELE CIPRIANI ENTERTAINMENT.

E’ uno spettacolo incentrato sull’amore del compositore russo per la danza, arte che dichiarò sempre di prediligere sopra ogni altra; sarà condotto da Veronica Maya ed andrà in onda il 20 luglio in seconda serata, dal Nervi Music Ballet Festival.

Veronica Maya sarà accompagnata da personaggi della cultura quali Giovanni Allevi, Paolo Mieli, Dario Salvatori e Silvana Giacobini, che racconteranno “il loro Stravinsky”.

Dai Parchi di Nervi (Genova), complesso naturalistico storicamente legato alla danza, Veronica Maya racconta la figura di Stravinsky, attraverso un viaggio dell’anima, da San Pietroburgo a Parigi e Napoli, dalle Alpi svizzere a New York parlando di musica, di amore e moda, dei suoi rapporti con personaggi come Serghei Diaghilev, Pablo Picasso e Coco Chanel con la quale il grande pittore visse una breve ma intensa passione.

La Maya parlerà anche dell’infinito amore che il compositore nutriva per l’Italia, che visitò molto spesso, tanto da decidere di essere sepolto a Venezia.

Veronica parlerà dell’amore di Stravinsky per la danza attraverso le esibizioni e le storie dei musicisti e dei ballerini dello spettacolo Stravinsky’s Love di Daniele Cipriani.

Tra gli artisti vedremo l’ex-stella del Bolshoi, Vladimir Derevianko

RAI 2 CELEBRA “STRAVINSKY’S LOVE” che con il suo inconfondibile accento russo impersona Stravinsky e Beatrice Rana che è una delle più apprezzate pianiste sulla scena musicale internazionale odierna.

Davide Dato dell’Opera di Vienna, Jacopo Bellussi e Alessandro Frola dello Hamburg Ballet e Sergio Bernal il “Roberto Bolle del Flamenco” saranno le stelle italiane della Danza che brillano sui palcoscenici all’estero.

RAI 2 CELEBRA “STRAVINSKY’S LOVE”Una segnalazione di merito è rivolta al Sovrintendente Claudio Orazi del Teatro Carlo Felice di Genova, la cui Fondazione ha fortemente voluto il progetto stravinskiano, al compositore e direttore d’orchestra Marcello Panni che conobbe personalmente Stravinsky, al musicologo Gastón Fournier-Facio che ci porterà tra le note che danzano sugli spartiti del compositore, alla costumista Anna Biagiotti la quale, per l’occasione, ha riprodotto modelli disegnati da Léon Bakst, Alexandre Benois e dal grande Pablo Picasso.

Con Stravinsky’s Love i telespettatori avranno un assaggio dei celebri balletti di Stravinsky, alcuni nelle coreografie originali, altre in nuove versioni

Assisteremo alle rappresentazioni di Petrushka (cor. Fokine), a L’Uccello di fuoco (cor. Goecke), a Pulcinella (coreografato e interpretato da Simone Repele e Sasha Riva), a La Sagra della primavera (prima italiana della coreografia di Uwe Scholz, interpretata da Davide Dato), a Histoire du Soldat (in un’originale versione “flamenco” creata per Stravinsky’s Love e interpretata da Sergio Bernal e Ashley Bouder del New York City Ballet), ed ancora a Peter and Igor, una nuova creazione di John Neumeier dedicata all’amore musicale tra Igor Stravinsky e Pyotr Ciaikovsky.

I tasti del pianoforte che accompagna l’esibizione danzeranno sotto le dita di Beatrice Rana e Massimo Spada

RAI 2 CELEBRA “STRAVINSKY’S LOVE”mentre le corde di un pregiato Stradivari vibreranno sotto l’arco della violinista Simone Lamsma.

Direttore della fotografia è Marco Lucarelli. Sullo schermo scorreranno anche immagini di repertorio provenienti dall’archivio della Fondazione Igor Stravinsky di cui è presidente la nipote del grande musicista, Marie Stravinsky.

Ufficio Stampa Daniele Cipriani Entertainment

Simonetta Allder

ufficiostampa@danielecipriani.it

339 7523505

Ufficio Stampa Teatro Carlo Felice

Nicoletta Tassan Solet

tassansolet@carlofelice.it

348 6418066

PH ufficio Stampa Daniele Cipriani Entertainment & Orselli

Buona visione, Martina Servidio

 

Roberto Bolle and Friends alle Terme di Caracalla

Roberto Bolle and Friends alle Terme di Caracalla

 

Roberto Bolle and Friends alle Terme di Caracalla

La Fondazione del Teatro dell’Opera di Roma annuncia che anche nel 2020 si svolgerà “l’evento degli eventi del mondo del balletto”; esso è l’affascinane evento senza precedenti per gradimento e presenze.

Le Terme di Caracalla saranno la magnifica cornice che racchiuderà l’avvenimento Roberto Bolle and Friends dell’eccezionale étoile scaligera Roberto Bolle, già principal dancer dell’American Ballet Theatre di New York.

Le date previste sono il 14 e il 15 luglio 2020.

Il Gala dei gala che nasce dall’esperienza e dal carisma di Roberto Bolle, qui in veste di interprete e direttore artistico, riunisce alcune delle stelle più brillanti del panorama ballettistico internazionale.

Un evento straordinario, imperdibile per gli spettatori che dal 2011 accorrono alle Terme di Caracalla sempre più numerosi e desiderosi di vedere il loro beniamino e icona del balletto mondiale esprimersi in uno dei luoghi più suggestivi e maestosi della capitale.

Roberto Bolle and Friends alle Terme di Caracalla

La bellezza del suo corpo perfetto e la sua eleganza artistica lo rendono una creatura leggendaria. Il dialogo sublime che riesce a stabilire tra la struttura delle danze proposte e l’apparato architettonico lo sublima.

Roberto Bolle dona ai presenti un’esperienza estetica ed artistica profondamente emozionante.

Il Sovrintendente Carlo Fuortes nel rinnovare quest’appuntamento ricorda che “In questi anni Roberto Bolle, con la sua ineguagliabile capacità artistica e comunicativa, è riuscito a creare, alle Terme di Caracalla, un tempo di festa e di celebrazione della grande danza mondiale donando qualità e maestosità, generando empatia e unione di sentimento in un pubblico sempre più numeroso

I biglietti per il Gala Roberto Bolle and Friends sono in vendita da sabato 26 ottobre 2019 ai seguenti prezzi: da 25 a 120 euro più 15% di prevendita.

Per Informazioni: operaroma.it

TEATRO DELL’OPERA DI ROMA

Anna Lea Antolini

Ufficio Stampa e Relazioni Esterne del Ballo

Cell. + 39 338 9079261

stampa.ballo@operaroma.it

 

 

Foto di copertina concessa: ©Andrej Uspenski

Altre immagini tratte dalla Rete ad uso divulgativo non commerciale

 

L’arte della danza: Roberto Bolle al cinema

roberto bolle_l'arte della danza

Roberto Bolle oltre al vanto di essere uno dei migliori ballerini al mondo, ha anche il merito di aver fatto avvicinare alla danza un pubblico vasto e tantissimi giovani, ipnotizzati dal suo talento, dal suo fascino, dalle sue doti comunicative.

La danza, prima di lui, non si era mai tanto avvicinata al grande pubblico, era sempre rimasto un settore d’elite, per “addetti ai lavori”. Senza mai sminuirla, anzi, elevandola sempre a forma d’arte a tutti gli effetti, senza mai snaturarla, senza mai volgarizzarla, Roberto Bolle è però riuscito a renderla più comprensibile e apprezzabile a quel grande pubblico che ora si accosta con entusiasmo alla danza, un po’ più propenso a coglierne la bellezza e la sacralità. Ponendosi come icona pop a tutti gli effetti, ha preservato l’aurea aulica della danza senza però farla percepire come vecchia e distante, bensì come preziosa ed emozionante.

Abbiamo visto Roberto Bolle cimentarsi in sketch comici, lo abbiamo visto in prima serata sul piccolo schermo, abbiamo ascoltato le sue interviste in radio e tv, abbiamo ammirato le sue foto sui giornali, letto il suo libro: ora sbarca anche al cinema.

Infatti l’étoile sta per portare la sua arte nelle principali sale cinematografiche italiane: Roberto Bolle – L’arte della danza, il lungometraggio che lo vede protagonista, sarà proiettato dal 21 al 23 novembre.

Roberto Bolle – L’arte della danza

Roberto Bolle – L’arte della danza è diretto da Francesca Pedroni, la quale snoda il suo docu-film attraverso i gala Roberto Bolle and Friends che si sono svolti all’Arena di Verona, al Teatro Grande di Pompei e alle Terme di Caracalla.

La macchina da presa coglie le fasi di preparazione dello spettacolo, dall’organizzazione alla messa in scena, ci mostra gli allenamenti, i dietro le quinte, ci consegna un ampio ventaglio di emozioni e sensazioni, dalla fatica alla soddisfazione, dalla determinazione alla responsabilità. Il tutto, corredato da interviste e commenti, sia di Bolle che dei dieci “friends” scelti per accompagnarlo nei Gala, tutti eccezionali danzatori provenienti dai migliori teatri mondiali: Nicoletta Manni (Teatro alla Scala), Melissa Hamilton, Eric Underwood, Matthew Golding (Royal Ballet di Londra), i gemelli Jiři e Otto Bubeníček (rispettivamente del Semperoper Ballet di Dresda e dell’Hamburg Ballett), Anna Tsygankova (Dutch National Ballet di Amsterdam), Maria Kochetkova e Joan Boada (San Francisco Ballet), Alexandre Riabko (Hamburg Ballett).

Il percorso di Roberto Bolle – L’arte della danza è un viaggio umano e professionale che ha come sfondo tre suggestivi luoghi dallo sconfinato valore culturale, la cui bellezza impreziosisce e fa da cornice ad un Gala che, a sua volta, è esaltazione della bellezza: quella del corpo in movimento.

E proprio la bellezza, così come una rigorosa disciplina, sono valori portanti per Bolle, il quale mantiene, da una vita intera, un rapporto totale con la danza, perfettamente sovrapposta ed allineata alla sua vita; ne è impalcatura ed essenza. Il lavoro di Francesca Pedroni vuol rendere omaggio proprio a questo rapporto, portarlo sul grande schermo per far emozionare il pubblico, per riempirne gli occhi di bellezza e i cuori di orgoglio.

La danza è il fuoco che ho dentro. Mi ha formato, mi ha dato un’identità. L’uomo che sono ora lo devo alla danza – Roberto Bolle

Roberto Bolle – L’arte della danza: programmazione nelle sale

Roberto Bolle – L’arte della danza è distribuito nei cinema italiani da Nexo Digital in collaborazione con i mediapartner Radio Deejay e MYmoè, prodotto da Classica e da Artedanza S.r.l.

Sarà nelle sale cinematografiche italiane il 21, 22 e 23 novembre nelle principali città italiane. La programmazione completa è consultabile sul sito ufficiale.

Roberto Bolle & Friends a Roma

roberto bolle

Roberto Bolle, vanto italiano della danza nel mondo, torna ad esibirsi nella splendida cornice delle Terme di Caracalla a Roma: doppio appuntamento, 25 e 26 luglio.

Il Roberto Bolle & Friends vede l’étoile scaligera protagonista di uno spettacolo potente e raffinato, impreziosito dalla presenza di tante altre stelle del panorama della danza mondiale.

Il Gala si ripete con straordinario successo di pubblico e critica dal 2008, quando si svolse sul sagrato del duomo di Milano e in Piazza del Plebiscito a Napoli. Poi lo spettacolo si è spostato in location suggestive come il giardino di Boboli a Firenze, il teatro antico di Taormina, il castello di Fénis (Val d’Aosta), piazza San Marco a Venezia, il Gran teatro all’aperto di Torre del Lago Puccini, l’Arena di Verona, le terme di Caracalla a Roma.

Questi magici luoghi che contraddistinguono per pregio e bellezza le rispettive città si aggiungono al lungo elenco di palcoscenici importanti calcati dal ballerino, con le compagnie più famose del mondo: l’American Ballet Theatre, il Balletto dell’Opéra di Parigi, il Balletto del Bol’šoj e del Mariinskij-Kirov, il Royal Ballet, senza dimenticare la compagnia del Teatro alla Scala di Milano, dove è étoile dal 2004.

Il tour estivo del Roberto Bolle & Friends è partito da Spoleto, ha toccato già Genova, l’Arena di Verona, la Versiliana e si chiuderà in Spagna, al Festival di Peralada, il prossimo 29 luglio.

Bolle e i suoi amici e colleghi ballerini proporranno una serie di esibizioni che lasceranno senza fiato il pubblico: spazio al classico, al neoclassico, al contemporaneo, al moderno; standard molto elevati e virtuosismi si coniugano a formule d’impatto capaci di catturare anche lo spettatore meno esperto tecnicamente. Questa formula artistica si è rivelata vincente, visto l’affetto che il Gala si è conquistato nel corso degli anni, senza mai deludere.

Il programma viene scelto da Roberto Bolle in persona, che di questo spettacolo è interprete ma anche direttore artistico: negli anni sono saliti insieme a lui sul palco danzatori di fama mondiale del calibro di Anastasia Stashkevich del Bolshoi di Mosca, Dinu Tamazlacaru dello Staatsballett di Berlino, Aliya Tanykpayeva dell’Hungarian National Ballet e Mizuka Ueno del Tokyo Ballet.

Roberto Bolle a Sanremo

Quest’annno Roberto Bolle è stato ospite del Festival di Sanremo: è toccato a lui aprire la serata finale e lo ha fatto danzando sulle note di We will rock you dei Queen. Ha poi spiegato, intervistato da Carlo Conti, che quella scelta musicale, non di repertorio classico, era stata fatta per lanciare un messaggio preciso: “La danza non è un’arte antica e polverosa“.

https://www.youtube.com/watch?v=VwYdXZj1030

Un messaggio importante di cui Bolle si è sempre fatto portavoce: quasi una missione la sua, tesa da un lato a salvaguardare la tradizione, ma dall’altro a favorire una maggiore apertura soprattutto da parte dei giovani verso quest’arte, anzi l’arte in generale, affinché non la considerino qualcosa di distante, ma vengano educati a coglierne l’attualità, la profondità, la bellezza.

A proposito di bellezza: lo scorso anno è uscito, edito da Rizzoli, un libro fotografico e autobiografico dal titolo Viaggio nella bellezza. Nel volume Roberto Bolle racconta la sua esperienza e le sue emozioni di ballerino; inoltre ci sono una serie di splendide fotografie, realizzate da Fabrizio Ferri e Luciano Romano, che immortalano lo statuario danzatore nei luoghi simbolo dell’Italia, spingendo alla riflessione sulle eccezionali bellezze artistiche del nostro Paese, sul suo immenso patrimonio culturale, su chi col suo lavoro si impegna giorno dopo giorno per proteggere e divulgare tutto ciò.