I MANESKIN E IL LORO “TEATRO D’IRA”

I MANESKIN E IL LORO “TEATRO D’IRA”

 

By Martina Servidio

I Maneskin, vincitori della 71ma edizione del Festival di Sanremo rappresenteranno l’Italia all’Eurovision Song Contest prevista per maggio a Rotterdam

Dal 14 dicembre 2021 parte il tour di 11 date che si svolgerà nei più importanti palazzetti italiani e si concluderà il 23 aprile 2022 all’Arena di Verona con un evento live che segnerà l’apertura della stagione dei grandi concerti 2022 dell’Arena.

Sono già sold out i concerti per le due date al Palazzo dello Sport di Roma e per le due date al Mediolanum Forum di Milano.

Dopo la strabiliante vittoria alla 71ma edizione del Festival di Sanremo con il brano “Zitti e Buoni” già certificato disco d’oro, i Måneskin pubblicano venerdì 19 marzo 2021 il nuovo album “Teatro d’ira – Vol. I”.

A distanza di soli due anni dal debutto con “Il ballo della vita” il gruppo italiano più irriverente della scena musicale presenta “Teatro d’ira – Vol. I”, il primo volume di un nuovo progetto più ampio che si svilupperà nel corso dell’anno e che racconterà in tempo pressochè reale gli sviluppi creativi della band.

E’ un percorso ambizioso e in continuo divenire, partito dai singoli “Vent’anni” e dall’inedito “Zitti e buonilink al video, brano con cui hanno vinto il Festival di Sanremo, Zitti e buoni in pochi giorni ha raggiunto l’incredibile numero di 18 milioni di streaming.

I MANESKIN E IL LORO “TEATRO D’IRA”

Scritto interamente dai Måneskin, il nuovo album è stato registrato in presa diretta al Mulino Recording Studio di Acquapendente (VT) con un rimando alle atmosfere analogiche dei bootleg anni ’70

I Måneskin trasmetteranno quindi la loro incredibile carica dal vivo sui palchi dei più importanti palazzetti italiani, dove presenteranno questo secondo album “Teatro d’ira – Vol. I

Il teatro, metafora in contrasto con l’ira del titolo, diventa lo scenario in cui questa prende forma. Non si tratta di una collera contro un bersaglio, ma di un’energia creativa che si ribella contro opprimenti stereotipi.

“La nostra non è una rabbia nei confronti di qualcuno ma un’ira che smuove, che crea le rivoluzioni – raccontano i Måneskin – un’ira catartica rivolta alle oppressioni e agli oppressori, che porta a sfogarsi e a ribellarsi verso tutto ciò che ti fa sentire sbagliato e che, come risultato, porta a una rinascita e a un cambiamento. Abbiamo voluto collocare questa forza molto potente in un contesto, quello del teatro, che nell’immaginario comune viene percepito come elegante e pacato. Ci piace questa antitesi: un contrasto che vive nel momento in cui il sipario si apre e, al posto di uno spettacolo o di un balletto, ci si ritrova catapultati in questa esplosione di energia. Il teatro è una metafora a rappresentare l’arte, il luogo dove questo impulso potente genera qualcosa di artistico e positivo”.

I MANESKIN E IL LORO “TEATRO D’IRA”

Damiano, Victoria, Thomas ed Ethan hanno iniziato a esibirsi live da giovanissimi nelle strade di Roma e con la loro carica fuori dal comune hanno conquistato il pubblico, spazzando via stereotipi di genere, mescolando influenze e stili in un mix originalissimo e unico,

CALENDARIO TOUR

 Questi eventi già sono SOLD OUT

Martedì 14 dicembre 2021 || Roma @ Palazzo dello Sport

Mercoledì 15 dicembre 2021 || Roma @ Palazzo dello Sport

Sabato 18 dicembre 2021 || Assago (MI) @ Mediolanum ForumDomenica 19 dicembre 2021 || Assago (MI) @ Mediolanum Forum

 QUESTE LE NUOVE DATE INSERITE

 Domenica 20 marzo 2022 || Casalecchio di Reno (BO) @ Unipol Arena

Martedì 22 marzo 2022 || Assago (MI) @ Mediolanum Forum –

Sabato 26 marzo 2022 || Napoli @ PalaPartenope –

Giovedì 31 marzo 2022 || Firenze @ Nelson Mandela Forum –

Domenica 3 aprile 2022 || Torino @ Pala Alpitour –

Venerdì 8 aprile 2022 || Bari @ PalaFlorio –

Sabato 23 aprile 2022 || Arena di Verona

Biglietti disponibili a partire dalle ore 11.00 di giovedì 18 marzo 2021 su vivoconcerti.com e dalle ore 11.00 di martedì 23 marzo 2021 in tutte le rivendite autorizzate.

Segui su:

IG @maneskinofficial

FB @maneskinofficial

TWITTER @thisismaneskin

Måneskin – sito ufficiale

MANAGEMENT

Latarma Management Marta Donà – info@latarma.it

UFFICIO STAMPA

WordsForYou press@wordsforyou.it

Beatrice Mannelli beatrice.mannelli@wordsforyou.it

SONY MUSIC

Responsabile promozione: Sara Daniele – sara.daniele@sonymusic.com

 PH Credit Gabriele Giussani

 

SANREMO 2021: FRANCESCA MICHIELIN E FEDEZ

SANREMO 2021: FRANCESCA MICHIELIN E FEDEZ

 

SANREMO 2021: FRANCESCA MICHIELIN E FEDEZ

A poco più di 24 ore dalla pubblicazione su tutte le piattaforme di streaming, in radio e su YouTube, CHIAMAMI PER NOME, il nuovo singolo di FRANCESCA MICHIELIN E FEDEZ in gara alla 71° edizione del Festival di Sanremo nella categoria Campioni ha già raggiunto importanti risultati.

La canzone è attualmente al primo posto dei brani più ascoltati su Spotify Italia, iTunes Italia, Apple Music e anche su Amazon Music.

Il video, che è stato girato in alcuni dei teatri più iconici di Milano, è primo in tendenza su YouTube e ha già superato 1.5 milioni di visualizzazioni. La stessa cifra di views è stata raggiunta anche dalla clip della performance sul palco del Teatro Ariston, durante la prima serata del 71° Festival di Sanremo, che da due giorni ricopre la seconda posizione tra i video più visti sulla piattaforma.

SANREMO 2021: FRANCESCA MICHIELIN E FEDEZ

Chiamami per nome, in uscita per Sony Music, è scritto da Francesca Michielin, Federico Lucia, Jacopo D’Amico, Davide Simonetta, Alessandro Mahmoud, Alessandro Raina e prodotto da D.Whale  nasce dalla voglia di sancire un’amicizia e una fortunata collaborazione artistica e segna l’atteso ritorno dei due artisti, che si esibiscono di nuovo insieme dopo i grandi successi di Magnifico e Cigno Nero.

 Il video di Chiamami per nome, nato da un’idea di Francesca e Federico, diretto da Antonio Usbergo e Niccolò Celaia per YouNuts! vuole richiamare l’attenzione sulla situazione dello spettacolo dal vivo in Italia, duramente provato da mesi di chiusura imposta dall’emergenza sanitaria.

Francesca Michielin e Fedez cantano dai palchi dei teatri milanesi (Teatro degli Arcimboldi, Teatro Menotti, Teatro Gerolamo e Teatro alla Scala) ormai chiusi da più di un anno e sono protagonisti di un piano sequenza assieme agli addetti ai lavori che, in tutta sicurezza, lavorano per mettere in scena uno spettacolo di cui diventano l’unico pubblico ad ora possibile.

 Chiamami per nome è contenuto in FEAT (Fuori dagli spazi), il nuovo progetto discografico di Francesca Michielin, in uscita il 5 marzo.

SANREMO 2021: FRANCESCA MICHIELIN E FEDEZ

UFFICIO STAMPA FRANCESCA MICHIELIN – GOIGEST

goigest@goigest.com

Ilaria Melotti ilaria@goigest.com

UFFICIO STAMPA FEDEZ – WORDS FOR YOU

press@wordsforyou.it

Francesca Casarino francesca.casarino@wordsforyou.it

PROMOZIONE SONY MUSIC

Beatrice Capitanio beatrice.capitanio@sonymusic.com

Roberto Bolle & Friends a Roma

roberto bolle

Roberto Bolle, vanto italiano della danza nel mondo, torna ad esibirsi nella splendida cornice delle Terme di Caracalla a Roma: doppio appuntamento, 25 e 26 luglio.

Il Roberto Bolle & Friends vede l’étoile scaligera protagonista di uno spettacolo potente e raffinato, impreziosito dalla presenza di tante altre stelle del panorama della danza mondiale.

Il Gala si ripete con straordinario successo di pubblico e critica dal 2008, quando si svolse sul sagrato del duomo di Milano e in Piazza del Plebiscito a Napoli. Poi lo spettacolo si è spostato in location suggestive come il giardino di Boboli a Firenze, il teatro antico di Taormina, il castello di Fénis (Val d’Aosta), piazza San Marco a Venezia, il Gran teatro all’aperto di Torre del Lago Puccini, l’Arena di Verona, le terme di Caracalla a Roma.

Questi magici luoghi che contraddistinguono per pregio e bellezza le rispettive città si aggiungono al lungo elenco di palcoscenici importanti calcati dal ballerino, con le compagnie più famose del mondo: l’American Ballet Theatre, il Balletto dell’Opéra di Parigi, il Balletto del Bol’šoj e del Mariinskij-Kirov, il Royal Ballet, senza dimenticare la compagnia del Teatro alla Scala di Milano, dove è étoile dal 2004.

Il tour estivo del Roberto Bolle & Friends è partito da Spoleto, ha toccato già Genova, l’Arena di Verona, la Versiliana e si chiuderà in Spagna, al Festival di Peralada, il prossimo 29 luglio.

Bolle e i suoi amici e colleghi ballerini proporranno una serie di esibizioni che lasceranno senza fiato il pubblico: spazio al classico, al neoclassico, al contemporaneo, al moderno; standard molto elevati e virtuosismi si coniugano a formule d’impatto capaci di catturare anche lo spettatore meno esperto tecnicamente. Questa formula artistica si è rivelata vincente, visto l’affetto che il Gala si è conquistato nel corso degli anni, senza mai deludere.

Il programma viene scelto da Roberto Bolle in persona, che di questo spettacolo è interprete ma anche direttore artistico: negli anni sono saliti insieme a lui sul palco danzatori di fama mondiale del calibro di Anastasia Stashkevich del Bolshoi di Mosca, Dinu Tamazlacaru dello Staatsballett di Berlino, Aliya Tanykpayeva dell’Hungarian National Ballet e Mizuka Ueno del Tokyo Ballet.

Roberto Bolle a Sanremo

Quest’annno Roberto Bolle è stato ospite del Festival di Sanremo: è toccato a lui aprire la serata finale e lo ha fatto danzando sulle note di We will rock you dei Queen. Ha poi spiegato, intervistato da Carlo Conti, che quella scelta musicale, non di repertorio classico, era stata fatta per lanciare un messaggio preciso: “La danza non è un’arte antica e polverosa“.

https://www.youtube.com/watch?v=VwYdXZj1030

Un messaggio importante di cui Bolle si è sempre fatto portavoce: quasi una missione la sua, tesa da un lato a salvaguardare la tradizione, ma dall’altro a favorire una maggiore apertura soprattutto da parte dei giovani verso quest’arte, anzi l’arte in generale, affinché non la considerino qualcosa di distante, ma vengano educati a coglierne l’attualità, la profondità, la bellezza.

A proposito di bellezza: lo scorso anno è uscito, edito da Rizzoli, un libro fotografico e autobiografico dal titolo Viaggio nella bellezza. Nel volume Roberto Bolle racconta la sua esperienza e le sue emozioni di ballerino; inoltre ci sono una serie di splendide fotografie, realizzate da Fabrizio Ferri e Luciano Romano, che immortalano lo statuario danzatore nei luoghi simbolo dell’Italia, spingendo alla riflessione sulle eccezionali bellezze artistiche del nostro Paese, sul suo immenso patrimonio culturale, su chi col suo lavoro si impegna giorno dopo giorno per proteggere e divulgare tutto ciò.