Roberto Bolle and Friends alle Terme di Caracalla

Roberto Bolle and Friends alle Terme di Caracalla

 

Roberto Bolle and Friends alle Terme di Caracalla

La Fondazione del Teatro dell’Opera di Roma annuncia che anche nel 2020 si svolgerà “l’evento degli eventi del mondo del balletto”; esso è l’affascinane evento senza precedenti per gradimento e presenze.

Le Terme di Caracalla saranno la magnifica cornice che racchiuderà l’avvenimento Roberto Bolle and Friends dell’eccezionale étoile scaligera Roberto Bolle, già principal dancer dell’American Ballet Theatre di New York.

Le date previste sono il 14 e il 15 luglio 2020.

Il Gala dei gala che nasce dall’esperienza e dal carisma di Roberto Bolle, qui in veste di interprete e direttore artistico, riunisce alcune delle stelle più brillanti del panorama ballettistico internazionale.

Un evento straordinario, imperdibile per gli spettatori che dal 2011 accorrono alle Terme di Caracalla sempre più numerosi e desiderosi di vedere il loro beniamino e icona del balletto mondiale esprimersi in uno dei luoghi più suggestivi e maestosi della capitale.

Roberto Bolle and Friends alle Terme di Caracalla

La bellezza del suo corpo perfetto e la sua eleganza artistica lo rendono una creatura leggendaria. Il dialogo sublime che riesce a stabilire tra la struttura delle danze proposte e l’apparato architettonico lo sublima.

Roberto Bolle dona ai presenti un’esperienza estetica ed artistica profondamente emozionante.

Il Sovrintendente Carlo Fuortes nel rinnovare quest’appuntamento ricorda che “In questi anni Roberto Bolle, con la sua ineguagliabile capacità artistica e comunicativa, è riuscito a creare, alle Terme di Caracalla, un tempo di festa e di celebrazione della grande danza mondiale donando qualità e maestosità, generando empatia e unione di sentimento in un pubblico sempre più numeroso

I biglietti per il Gala Roberto Bolle and Friends sono in vendita da sabato 26 ottobre 2019 ai seguenti prezzi: da 25 a 120 euro più 15% di prevendita.

Per Informazioni: operaroma.it

TEATRO DELL’OPERA DI ROMA

Anna Lea Antolini

Ufficio Stampa e Relazioni Esterne del Ballo

Cell. + 39 338 9079261

stampa.ballo@operaroma.it

 

 

Foto di copertina concessa: ©Andrej Uspenski

Altre immagini tratte dalla Rete ad uso divulgativo non commerciale

 

Arti & Spettacolo: la casa degli artisti

Arti & Spettacolo: la casa degli artisti

Nell’attuale scenario dove le strutture di pregiato profilo artistico sono, alcune volte, soffocate da innumerevoli e spesso improbabili scuole di danza, di recitazione, di musica… è degna di merito la decisione assunta dall’Accademia delle Arti e dalla sua direttrice artistica Catia Di Gaetano, di ampliare e consolidare la propria offerta formativa nella Sezione Spettacolo.

Arti & Spettacolo: la casa degli artisti

Arti & Spettacolo: la casa degli artisti

Sono stati quindi destinati ambienti studiati e realizzati al solo scopo di offrire la massima accoglienza e fruibilità agli allievi che seguono i vari corsi che Arti & Spettacolo propone.

Musica, recitazione, canto, teatro, dizione, tecniche vocali, movimento scenico; ciascuno può realizzare il suo percorso artistico seguito costantemente da docenti certificati che hanno maturato la loro professionalità esibendosi sui palcoscenici in Italia e all’estero.

Arti & Spettacolo: la casa degli artisti

Arti & Spettacolo: la casa degli artisti

Tra i maestri che accompagnano gli allievi nel loro sviluppo di crescita e specializzazione citiamo:

Ugo Bentivegna; recitazione, dizione, teatro e cinema

Claudia Berté; canto e tecniche vocali

Fabrizio Lorusso; movimento scenico e danza moderna

Marco Ciardo e Agnese Allegra; canto lirico e antico

Saggi, esibizioni, confronti con altre qualificate realtà artistiche consentiranno agli allievi di misurarsi e trarre sempre maggiore volontà di migliorarsi; la sana competizione produce effetti positivi.

La Sezione Arti & Spettacolo è strettamente connessa all’Accademia delle Arti che si rivolge alla danza classica, moderna, contemporanea e che ha accolto con favore anche l’introduzione dei corsi di Hip Hop tenuti da Giuseppe D’Avanzo.

Arti & Spettacolo: la casa degli artisti

 

 

 

 

Arti & Spettacolo porta in scena, ogni anno, un Musical recitato da tutti gli allievi e dove ciascuno esibisce la propria professionalità.

E’ encomiabile la sinergia che è stata creata tra la danza, il teatro e la musica ed è proprio questa la finalità artistica del percorso e cioè plasmare l’allievo arricchendolo con tutte le maggiori valenze che Arti & Spettacolo e l’Accademia delle Arti sono in grado di trasmettere.

Arti & Spettacolo: la casa degli artisti

 

 

 

 

Un ulteriore valore aggiunto che Arti & Spettacolo e l’Accademia delle Arti presentano è costituito dal Master Class in Arte fotografica tenuto dal docente Massimo Danza la cui qualità artistica non necessità di presentazioni; esso non si limita ad insegnare a… “scattare eccellenti foto” ma anche ad introdurre l’allievo nell’inserimento professionale.

Arti & Spettacolo: la casa degli artisti

Arti & Spettacolo: la casa degli artisti

Fotografie a cura di Massimo Danza.

Grazie

 

DANIELE CIPRIANI e… il coraggio

DANIELE CIPRIANI e… il coraggio.

DANIELE CIPRIANI e… il coraggio

“E’ un mosaico di grande danza”, così il suo direttore artistico Daniele Cipriani definisce il gala cult Les Étoiles che, dopo i successi ottenuti a Roma ed in altre città, arriva il 16 luglio alle ore 21.30 al Palazzo Mauro de André, nell’ambito del Ravenna Festival, nella magnifica città dei mosaici.

Il gala internazionale Les Étoiles permette infatti di vedere concentrati in un unico spettacolo i brani più sensazionali del repertorio di tradizione, ad esempio passi a due tratti da Il lago dei cigni, Don Chisciotte, Il Corsaro, Diana e Atteone, o il meno noto Fiamme di Parigi,  insieme a brani dei grandi coreografi del Novecento come Balanchine (Diamonds) o altri di sofisticata modernità firmati dai coreografi sulla cresta dell’onda del calibro di Wheeldon o Millepied.

Assisteremo ad “assoli” nella tradizione iberica, uno arroventato di antico sole andaluso (Zapateado de Sarasate) e l’altro di un’incandescenza bianca, decisamente più contemporanea e lunare.

I brani sono interpretati da étoile  più esaltanti del momento e provenienti dai maggiori teatri del mondo.

“Sono come tante tessere di squisita fattura che, tutte insieme, formano un magnifico mosaico in movimento”, prosegue Daniele Cipriani che ci farà assistere a “virtuosismi sulle punte e in volo” filo conduttore delle coreografie di Les Étoiles e che non mancano mai di mandare in visibilio il pubblico.

Ad eseguirli al Palazzo Mauro de André, Daniele Cipriani ha riunito Dorothée Gilbert e Hugo Marchand (Opéra de Paris), Jacopo Tissi e Alena Kovaleva (Teatro Bolshoi di Mosca), Bakhtiyar Adamzhan (Opera di Astana, Kazakhistan), Tatiana Melnik (Opera di Stato Ungherese), Constantine Allen, Anna Tsygankova, Young Gyu Choi e Rebecca Storani (Balletto Nazionale Olandese), Sergio Bernal (Balletto Nazionale Spagnolo).

I loro nomi rivelano la variegata provenienza: Corea, Francia, Italia, Kazakhstan, Russia, Spagna, Stati Uniti; ogni étoile apporta al programma-mosaico di Ravenna un’impronta personale diversa – una sfumatura particolare – grazie al temperamento nazionale, alle caratteristiche che contraddistinguono la scuola di formazione o la compagnia a cui appartiene e, cosa ancor più pregnante, alla propria irripetibile e straordinaria individualità.

Si noterà in quest’edizione di Les Étoiles, accanto a rappresentanti di teatri custodi della tradizione ottocentesca del balletto, come appunto l’Opéra di Parigi o il Bolshoi di Mosca, una rappresentanza particolarmente nutrita proveniente da Het Nationale Ballet (Balletto Nazionale Olandese), compagnia “giovane” ma che, in mezzo secolo di esistenza, è divenuta una delle maggiori del mondo.

Ed è anche una delle più internazionali tant’è vero che i quattro ballerini che arrivano da Amsterdam sono originari di quattro paesi (e tre continenti) diversi, tra cui anche l’Italia nella persona di Rebecca Storani.

DANIELE CIPRIANI e… il coraggio.

La giovane ternana, insieme a Jacopo Tissi nato in provincia di Pavia e che sta rapidamente scalando i gradini del successo al Bolshoi,

DANIELE CIPRIANI e… il coraggio.

rappresentano a Les Étoiles la numerosa e dolorosa dispersione di ballerini italiani i quali, partiti dalla penisola che al balletto diede i natali, trovano successo e celebrità nelle maggiori compagnie estere.

L’eccellenza è la formula grazie alla quale Les Étoiles può definirsi il gala di balletto.

 Les Étoiles rappresentato a gennaio al Parco della Musica di Roma ha visto la presenza di oltre 5.000 spettatori ed analogo successo lo ha registrato in altri prestigiosi teatri quali La Fenice di Venezia e il Teatro Lirico di Cagliari; a settembre 2018 un’edizione speciale di Les Étoiles è stata portata in scena nel Bahrein; il 18 e 19 settembre 2019 approda al Teatro dell’Opera di Firenze.

DANIELE CIPRIANI e… il coraggio

Daniele Cipriani ci tiene a sottolineare che la carta davvero vincente di Les Étoiles, oltre all’internazionalità dei suoi interpreti, delle compagnie da cui provengono, delle musiche e dei coreografi è l’importante messaggio che trasmette in questo particolare momento di profonde divisioni: l’armonia.

L’armonia di cui la grande danza si fa portatrice è una qualità che nasce nel movimento e nel gesto delle grandi étoile grazie al rigore dello studio e dell’addestramento quotidiani ma anche dell’amore che provano nei confronti della loro arte e alla generosità con cui trasmettono la sua bellezza al pubblico.

E allo stesso modo in cui i visitatori restano incantati dall’armonia delle volte stellate, dei meravigliosi mosaici ravennati gli spettatori di Les Étoiles potranno in qualche maniera dire di assistere all’armonia delle sfere, o meglio delle stelle danzanti!”

Noi aggiungiamo che Daniele Cipriani è riuscito a fondere armoniosamente la magia e l’eleganza del balletto “sulle punte” con brani e coreografie moderne, ambiziose ed originali.

Principalmente, però, accoglie i fuoriclasse di tutto il mondo in una unione di armonia, bellezza, raffinatezza e prestigio internazionale.

DANIELE CIPRIANI e… il coraggio

E’ il meritorio concetto dell’Arte diffusa e fruibile da tutti che supera i confini, le barriere politiche o ideologiche ed è questo il merito ed il coraggio di Daniele Cipriani

 

Premio Roma Danza 2019

Premio Roma Danza 2019

Premio Roma Danza 2019

Concorso Internazionale di danza
9 > 12 luglio 2019

Teatro Grande all’aperto dell’Accademia Nazionale di Danza
Largo Arrigo VII, 5, 00153, Roma

I PERCORSI, tema del progetto artistico 2018-19 dell’Accademia Nazionale di Danza, investono anche il Premio Roma Danza 2019 che quest’anno è dedicato all’arte dell’interpretazione, anch’essa coincidente con l’idea di un cammino di ricerca in quello spazio più intimo e profondo del proprio essere tanto da trovare il talento per diventare altro da sé.

I PERCORSI rappresenta la seconda tappa del progetto artistico triennale dell’AND

Il genere è solo un mezzo per mettersi alla prova davanti ad una Giuria Internazionale, anche quest’anno d’eccezione, del calibro di Lutz Förster (Presidente) già interprete storico della Compagnia di Pina Bausch, Amancio Gonzales, danzatore di W. Forsythe e coreografo eclettico, Adela Mucollari, étoile del Teatro Dell’Opera di Tirana, Ae-Soon Ahm, coreografa di fama internazionale e docente del Dipartimento di Performing Art dell’Università di  Seul ed infine Guo Lei, Direttore della Beijin Dance Academy; questi eminenti personaggi rafforzano una collaborazione che si sta consolidando per un reciproco scambio tra le due istituzioni.

Premio Roma Danza 2019

Il Premio Roma Danza 2019 vede come sponsor ufficiale la Cuomo Foundation la cui missione, attraverso progetti internazionali, consiste nel potenziare le opportunità di formazione e di accesso alla cultura per rafforzare l’individuo nelle sue capacità di migliorare la propria esistenza perché:

«The Art of Education is the Education of the Heart».

Il “Premio Roma Danza”, nato nel 2001 sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, è divenuto uno dei più prestigiosi concorsi di danza a livello internazionale e quest’anno viene dedicato alla Città di Roma Capitale, centro di partenze e accoglienze della multiculturalità, per la creazione di un nuovo umanesimo unica condizione possibile per un futuro sociale sostenibile.

Rivolto a studenti dell’Accademia Nazionale di Danza e a concorrenti esterni si svolge negli spazi del Teatro Grande dell’Accademia Nazionale di Danza dal 9 al 12 luglio 2019 (semifinali, finali e galà).

Il 12 Luglio, serata della premiazione presentata da Rossella Battisti, critico e studiosa della danza e dei suoi effetti sociali e culturali nell’attualità vedrà,  insieme ai finalisti, la presentazione di brevi estratti dalle produzioni artistiche delle quattro Scuole dell’AND e  di un estratto da “Missa Brevis” di José Limón, ricostruito da Nina Watt, con l’assistenza della prof. Cristina Caponera  e l’interpretazione degli studenti del 1° anno del Corso di II livello della Scuola di Danza Contemporanea.

Durante la serata, tra il pubblico, anche autorità capitoline e di rappresentanti del MIUR e del MIBAC nonché di esperti del mondo della danza.

Accademia Nazionale di Danza

Largo Arrigo VII, 5 – 00153 Roma

tel. +39 06 5717771

www.accademianazionaledanza.it

Gli spettacoli sono a ingresso gratuito su prenotazione

Il Gala del 12 luglio è su invito.

COME PRENOTARE:

Telefono: 06/57177715 (martedì e giovedì ore 10:00 – 12:00; mercoledì e venerdì ore 15:00 – 17:00)

Oppure tramite mail a welcomeoffice@accademianazionaledanza.it

Per maggiori info:

ufficio.comunicazione@accademianazionaledanza.it

Immagini di esclusiva proprietà AND