Parla una Maestra della Scuola Materna: Un’affascinante Viaggio nell’Educazione dei Più Piccoli

Parla una Maestra della Scuola Materna

Nel più grande universo della didattica di ogni ordine e grado, tra colori vivaci e sorrisi genuini, si cela il mondo quasi incantato della scuola materna. In un’intervista esclusiva, abbiamo avuto l’opportunità di ascoltare la voce di una maestra, Martina, custode dei sogni e delle prime scoperte dei nostri piccoli studenti.

La maestra Martina inizia con una tenera riflessione sulla sua… professione? lavoro? missione?: “Insegnare nella scuola materna è un impegno che ritengo vada ben oltre una semplice e ripetitiva trasmissione di nozioni. È un viaggio emozionante che mi vede coinvolta nella impercettibile ma continua crescita dei bambini che mostrano sempre una curiosità incontenibile e una naturale voglia di apprendere.

Parlando della sua routine quotidiana, la maestra sottolinea l’importanza di creare un ambiente accogliente e stimolante. “I bambini sono come spugne desiderose di conoscenza. Creare un ambiente in cui si sentano sicuri ed esplorino liberamente è cruciale per il loro sviluppo emotivo e cognitivo.

Un sorriso gioioso si dipinge sul suo volto mentre condivide aneddoti che raccontano momenti indimenticabili trascorsi con i suoi giovani studenti. “La spontaneità dei bambini è un vero tesoro. Ogni giorno è un’avventura diversa, fatta di domande curiose, disegni colorati e atteggiamenti affettuosi.

Sulla questione della creatività e dell’arte nella didattica, la maestra sottolinea: “La creatività è il cuore pulsante della scuola materna. Attraverso l’arte e il gioco, i bambini esplorano il mondo e sviluppano le proprie capacità espressive. È un processo che va al di là del risultato finale; è il viaggio che conta ed i risultati certamente verranno.”

Pensando alle sfide della professione, la maestra Martina riconosce la grande responsabilità di “plasmare” le menti giovani. “Ogni bambino è un individuo unico con il proprio ritmo di apprendimento. La sfida sta nel comprendere e rispettare le loro diversità, incoraggiandoli a crescere in modo sano e felice.

Concludendo l’intervista, la maestra esprime il suo entusiasmo per i suoi piccoli allievi. “Sono semi piantati con amore e cura che ogni giorno “annaffiamo” con la nostra presenza, la nostra attenzione, le nostre cure. Guardare questi semi crescere e poi fiorire è la ricompensa più grande per ogni insegnante di scuola materna.”

Da questo incontro con una maestra della scuola materna, emerge un mondo di dedizione e passione per l’educazione dei bambini.

Elogiamo tutte le insegnanti che, con amore e pazienza, plasmano il futuro dei nostri figli fornendo loro il prezioso dono dell’istruzione.

Ringraziamo la maestra Martina per il tempo che ci ha dedicato e le auguriamo Buon Natale.

INVITO A PALAZZO MERULANA: ANNI 60 E SPAGHETTI WESTERN

INVITO A PALAZZO MERULANA: ANNI 60 E SPAGHETTI WESTERN

Giovedí 22 giugno alle ore 18:00, Palazzo Merulana riunirà le ultime glorie del cinema Spaghetti Western per rievocare gli anni 60 in occasione del lancio di

“C’era una volta a Roma”

il nuovo romanzo di Manuel de Teffé.

INVITO A PALAZZO MERULANA: ANNI 60 E SPAGHETTI WESTERN

Presenti a questa anteprima saranno il leggendario regista Enzo G. Castellari, raffigurato in foto, ispiratore di Quentin Tarantino, e l’attore Gianni Garko, indimenticabile “Sartana” dell’epoca.

INVITO A PALAZZO MERULANA: ANNI 60 E SPAGHETTI WESTERN Il romanzo “C’era una volta a Roma” presenta una pagina mai narrata del costume italiano: l’epopea della Dolce Vita travolta dalla rivoluzione del cinema western, il tutto ispirato alle mirabolanti avventure dell’attore romano Antonio de Teffé (padre dell’autore) e di come, sotto lo pseudonimo di Anthony Steffen, divenne protagonista di ben 27 pellicole del genere, tra le quali ricordiamo: Django il bastardo, Il pistolero segnato da Dio, 1000 dollari sul nero, Una lunga fila di croci, Un treno per Durango, Shango la pistola infallibile, Arriva Sabata.

INVITO A PALAZZO MERULANA: ANNI 60 E SPAGHETTI WESTERN

Anthony Steffen, acclamato protagonista di Spaghetti Western, è celebrato in Francia con libri e DVD e omaggiato da Tarantino in una passata edizione del Festival di Venezia.

Il Romanzo: Roma, 1965, nel pieno della Dolce Vita e delle proteste contro la guerra in Vietnam “Per un Pugno di Dollari” di Sergio Leone ha un successo planetario e lancia un genere esplosivo: il western all’italiana.

Il mondo del cinema è in fibrillazione, la public relations manager dell’Hotel Hilton cerca di convincere il suo uomo ad abbracciare il nuovo filone.

“C’era una volta a Roma” narra le vicende di un aristocratico attore teatrale shakespeariano, un guru di recitazione russa, un regista ebreo di documentari e un anziano imprenditore di grissini con un ultimo grande sogno: trasformare il suo manoscritto segreto nel film “NIENTE DOLLARI PER DJANGO”.

Manuel de Teffé

INVITO A PALAZZO MERULANA: ANNI 60 E SPAGHETTI WESTERN romano, è regista e sceneggiatore. Studia scenografia all’Accademia di Belle Arti di Roma e si diploma in regia cinematografica al M.I.F. di Angelo D’Alessandro. Inizia la sua carriera al Teatro Eliseo come assistente alla regia di Rossella Falk e Michele Placido. Lavora come regista televisivo per Morgan film e Lux Vide. Fonda in seguito Shineout, per la quale scriverà e dirigerà spot, campagne pubblicitarie, documentari e video musicali in tutto il mondo. Negli ultimi anni è stato direttore artistico per il gruppo francese Média-Participations.

Attualmente lavora a Parigi con SAJE distribution e insegna “Storia del Cinema” all’accademia cinematografica Dbima. “C’era una volta a Roma” è il suo primo romanzo.

La serata evento di Palazzo Merulana sarà moderata da Giorgio Pacifici, giornalista RAI.

Per ulteriori informazioni e interviste:

Manuel de Teffé – Tel. 392 7029009

www.manueldeteffe.com

Si ringrazia il Dr. Enzo Vitale; PH concesse dall’autore

Il CONCORSO DEL PIO IX; L’ARTE DELLA SCRITTURA

La nostra intervista a Benedetta Maria Vitale, Quentin Bonnel P.M.  e Giorgia Carucci

Questi giovani scrittori si sono messi in luce ed hanno meritato il 1°, 2° e  3° posto nel Concorso Letterario “Il PIO IX, l’Arte della scrittura e del pensiero” Edizione 2023 indetto dalla Scuola Pontificia Pio IX

Il titolo delle opere premiate sono, rispettivamente:

  • Io, albero;
  • La leggenda dell’inquinamento;
  • La città sommersa e le bambine schiacciate

Buongiorno Benedetta, Quentin e Giorgia le vostre opere sono state premiate poiché lanciano un intenso messaggio diretto al mondo degli adulti che troppo spesso ignorano i tanti segnali di pericolo – da loro stessi generato – e che conducono ad un degrado del nostro pianeta.

Ora rivolgiamo le stesse domande a ciascuno di voi e voi, singolarmente, esprimerete il vostro pensiero.

Domanda: ci puoi descrivere in breve quali sono i tuoi interessi e come si è sviluppato in te il profondo senso di responsabilità nei confronti dell’ambiente?

Risposte:

Benedetta Maria Vitale. Fin da piccola, insieme a mia mamma e mio papà, facevamo lunghe passeggiate sui sentieri di montagna e loro mi insegnavano cosa bisognava fare e cosa no in quanto eravamo in un ambiente che non era quello nostro, quotidiano. Mi insegnavano come comportarsi con gli animali selvatici, rispettarli e rispettare il loro mondo ed anche come comportarsi con gli animali domestici.”

Quentin Bonnel P.M.  Amo molto la natura soprattutto camminare in mezzo al bosco e scarpinare in montagna. Amo respirare aria pura e non avere più paura di respirare l’aria inquinata della città”

Giorgia Carucci.  “Il mio interesse per l’ambiente si è sviluppato perchè troppo spesso quando cammino per la strada vedo tanta immondizia per terra”

Ritengo sia ammirevole non solo aver messo in luce il pericolo che corre l’ambiente ma anche averlo saputo esporre molto bene sotto forma letteraria in maniera corretta, pacata, seria, incisiva e, in alcuni paragrafi, anche opportunamente fantasiosa e leggera.

Domanda: scrivere è un’Arte così come la pittura, il bel canto, la danza ecc.. e si nota chiaramente la tua passione per la scrittura non ancorata rigidamente ai soli argomenti scolastici; quali sono le tue passioni che coltivi nei momenti liberi?

Risposte:

Benedetta Maria Vitale.  Amo leggere, ho iniziato a 4 anni. Ricordo che mia mamma mi aveva comprato la storia del “Brutto Anatroccolo” e quando le ho chiesto di leggermelo lei mi ha detto “perché non ci provi tu?”Rimasi  sorpresa, presi coraggio e, con il suo aiuto, lettera per lettera, ho imparato a leggere.”

Quentin Bonnel P.M.  Le mie passioni sono molte: Karate, nuoto, tennis e suono anche il pianoforte da qualche anno. Leggo anche molto ed ho terminato di leggere la saga di Harry Potter e sto terminando i libri mitologici di Rick Riordan.”

Giorgia Carucci.  Le mie passioni nei momenti liberi sono disegnare persone, ogni tanto inventare e scrivere storie e leggere tanto”

Solitamente chiudiamo le nostre interviste lasciando uno spazio libero a disposizione dell’intervistato e quindi:

Domanda: cosa ti ha lasciato ed insegnato la partecipazione al Concorso che non è stato strutturato come un “compito in classe” ma un vero e proprio primo contatto con il mondo dei Concorsi che – nel futuro – dovrete affrontare in ambito professionale?

Risposte:

Benedetta Maria Vitale.  “Che tutto è possibile, che anche quando vorresti rassegnarti, quando credi di non farcela, che non vedi le possibilità di farcela devi credere in te stesso, alzarti ed affrontare le difficoltà.”

Quentin Bonnel P.M.  Questo concorso mi ha lasciato molte emozioni.  Quando ho saputo che ero secondo sono rimasto spiazzato per alcuni istanti perché mi aspettavo di arrivare ultimo.  E’ stata una meravigliosa esperienza e spero di partecipare in futuro ad altri concorsi.”

Giorgia Carucci.  Le emozioni che ho provato e mi ha lasciato questo concorso sono state tante, felicità, orgoglio e la speranza di poter scrivere fumetti e libri.”

 Complimenti Benedetta, Quentin e Giorgia avete già le idee ben chiare per il vostro futuro ed ora, insieme a voi, esprimo la mia stima alla Scuola Pontificia Pio IX ed alla docente Martina Maggio promotrice dell’iniziativa.

 

PH Credit: @lacoronadalloro- Lisa Feletto Artista

(https://www.facebook.com/lacoronadalloro/)

 

LA SCUOLA PIO IX e IL SUO CONCORSO LETTERARIO

LA SCUOLA PIO IX e IL SUO CONCORSO LETTERARIO

LA SCUOLA PIO IX e IL SUO CONCORSO LETTERARIO

“Il Pio IX , l’Arte della scrittura e del pensiero”

Da molti anni abbiamo il piacere di organizzare e realizzare Concorsi Letterari che, fino ad ora, hanno suscitato interesse, presenza attiva e partecipanti di ottimo profilo culturale.

Superati velocemente i primi momenti di incredulità dovuti alla indubbia “novità” di realizzare un Concorso destinato esclusivamente agli studenti ci siamo dedicati a ritagliare un Regolamento che racchiudesse alcuni principi cardine e cioè:

  • obiettivi ambiziosi ma raggiungibili da tutti, altrimenti che Concorso è?
  • giuria di alto profilo culturale, in numero dispari e non docente degli stessi partecipanti:
  • argomenti assegnati, certamente attuali e importanti: l’ecologia, la salvaguardia della natura, il bullismo.

Coordinatrice del progetto e Presidente di Giuria è stata la Prof.ssa Martina Maggio che ringrazio per la sua costante e preziosa attenzione nei riguardi della nostra necessaria presenza, inusuale in ambito scolastico.

Ringrazio fortemente la Giuria costituita dai Prof:

  • Domenico Cerrato;
  • Valerio Cruciani;
  • Ilaria Saccares;
  • Alessandra Bortone

che hanno partecipato attivamente e con entusiasmo alla realizzazione del Concorso.

Non può non essere menzionato, ed al quale rivolgo il mio vivo apprezzamento, Fratel Andrea per aver colto immediatamente il valore aggiunto che il Concorso Letterario rappresentava per la Scuola Pontificia Pio IX

Nel mosaico dell’offerta formativa, che già custodisce altri ed alti valori ed attività, si inserisce questo nuovo tassello culturale che conferma la visione della Scuola Pontificia Pio IX con uno sguardo rivolto al futuro ma che poggia su solide basi consolidate nel tempo.

Come notazione di servizio possiamo anticipare ai concorrenti che la Giuria ha completato la valutazione di tutte le opere e che, a breve, saranno svelati i risultati.

Grazie a tutti i partecipanti che hanno affrontato per la prima volta le “regole” previste da un Concorso – nel nostro caso Letterario – che si discosta, sia concettualmente che praticamente, da un normale compito in classe; il futuro professionale dei partecipanti li vedrà sempre più spesso candidati per Concorsi lavorativi.

Una buona esperienza iniziale, a presto.

PH Credit Pio IX ad uso divulgativo non commerciale

IL PIO IX , L’ARTE DELLA SCRITTURA E DEL PENSIERO

LA SCUOLA PIO IX e IL SUO CONCORSO LETTERARIO

IL PIO IX , L’ARTE DELLA SCRITTURA E DEL PENSIEROUn Istituto scolastico a cui affidare i propri figli si misura non solo per la qualità dell’insegnamento di alto profilo, delle attività sociali e sportive che si affiancano alla didattica ma anche da iniziative culturali che gratificano gli alunni e li aiutano ad affacciarsi al mondo che li accoglierà nell’immediato futuro.

Un mondo caratterizzato da valori sempre più labili ma dove, comunque, prevarrà quanto acquisito nel corso degli studi e delle esperienze raccolte.

Ed è proprio questo l’alto valore aggiunto che è racchiuso nel Concorso Letterario “IL PIO IX , L’ARTE DELLA SCRITTURA E DEL PENSIERO”

E’ una iniziativa inusuale per il sistema scolastico, innovativa, che rafforza la coesione tra gli alunni e, cosa più importante, accresce la fiducia nelle proprie capacità ponendoli in un contesto di moderata ed equilibrata competizione.

La classe 5° Primaria della Maestra Martina Maggio è l’apripista del Concorso ideato e condotto dalla stessa maestra che svolge il ruolo di Presidente alla quale si affianca la qualificata Commissione di valutazione degli elaborati costituita da:

  • Prof. Maggio;
  • Prof. Cerrato;
  • Prof. Cruciani;
  • Prof. Saccares;
  • Prof. Bortone

Gli argomenti assegnati sono attuali, importanti e segnano la vita quotidiana di tutti noi:

Bullismo: Storie di quotidiano bullismo;

Inquinamento: Il pianeta non è nostro, è solo in prestito;

Natura: Per fare l’albero…ci vuole il seme

Buon lavoro ragazze e ragazzi.