CANTO MULIEBRE PER QUATTRO VOCI ED UN POETA

CANTO MULIEBRE PER QUATTRO VOCI ED UN POETA

By Martina Servidio

Come prevede il Regolamento del nostro Concorso Letterario “L’Arte della Parola e dell’Arte Coreutica” continuiamo a pubblicare le opere che si sono aggiudicate il 1° Premio.

Abbiamo già pubblicato i testi vincitori della Sezione Poesie e Racconti ed ora vi presentiamo il Corto Teatrale scritto da Giuseppe Raineri dal titolo CANTO MULIEBRE PER QUATTRO VOCI ED UN POETA

La Giuria tutta ha riconosciuto questo testo meritevole ed eccellente come è chiaramente scritto nella motivazione che trascrivo:

“il coraggio di portare in scena l’argomento, ancora irrisolto, dei diritti delle donne. Minuziosa la scenografia e la musica, i personaggi in scena ed i loro “alter ego”, che rappresentano donne scolpite nella storia, sono ben studiati e si muovono ottimamente all’interno della trama. Quattro personaggi femminili con le loro storie ed un poeta, il Vate, che suggerisce riflessioni e le accompagna nel finale a dire: “siamo donne ma…soprattutto persone”

CANTO MULIEBRE PER QUATTRO VOCI ED UN POETA

CANTO MULIEBRE PER QUATTRO VOCI ED UN POETA

Atto unico e due scene

Personaggi:

MADELEINE è Jeanne Hebutern

Vestiti scuri di inizio ‘900 sobri ma lisi, lunghi fino alle caviglie

CLAIRE è Simone de Bauvoir

Vestito del XX secolo

GERTRUDE è Ildegarda di Bingen

Veste da suora del XII secolo

SELENE è Ipazia

Indossa Peplo + Tribon (il mantello dei “filosofi” come nella raffigurazione probabile di Ipazia nella Scuola di Atene di Raffaello)

George è Jorge Luis Borges che indossa un vestito del XX secolo

Quelli elencati sono i vestiti di scena da un certo momento della scena in poi ma, in apertura, le attrici fanno il loro ingresso con lunghe vesti bianche tutte uguali.

La nuova vestizione rappresenta simbolicamente un ritorno temporaneo alla vita nel tempo in cui hanno vissuto.

Parte musicale:

Preludio e Fuga BWV 847 n° 2 in C minor di Johann Sebastian Bach

 

Scena prima

(Buio in scena. Musica: parte il preludio. Le luci si accendono mentre le attrici avanzano lentamente con lunghe vesti uguali dai quattro angoli, mantenendosi a distanza. Si guardano interrogative in silenzio. La musica sfuma dolcemente.)

 CLAIRE: Qualcuna di voi sa perché ci troviamo qui?

(Silenzio. Nessuna risponde, ma continuano a scrutarsi con sospetto e curiosità.)

CLAIRE: Insomma, vi hanno tagliato la lingua? Devo considerare il vostro silenzio come un no? No, non lo so? Oppure, lo so, ma non lo voglio, non lo posso dire?

GERTRUDE: Credo di essere nella tua stessa situazione. Non lo so, ma ho sentito prepotente la necessità di arrivare proprio qui. Come se mi avessero chiamato ed io non potessi negarmi.

MADELEINE: È curioso. Anche io ho vissuto la stessa sensazione. Mi hanno evocato. Non ho potuto resistere. Ho abbandonato qualunque cosa stessi facendo. Per quanto mi sforzi, non me ne ricordo. Poi, mi sono incamminata lungo un percorso, l’unico possibile davanti a me senza essere consapevole di dove stessi andando. Intorno a me la nebbia era fittissima e quando si è diradata mi sono trovata qui insieme a voi.

Vi ho osservate con attenzione, ma non mi sembra di conoscervi.

(Prendono la parola a turno.)

GERTRUDE: E allora diciamoci almeno chi siamo. Mi chiamo Gertrude.

MADELEINE: Io Madeleine. E voi due? Qual è il vostro nome?

CLAIRE: Il mio è Claire.

SELENE: Il mio… Selene.

CLAIRE: Quindi, ci troviamo tutte e quattro in un posto che non conosciamo e senza saperne il motivo? Spero che qualcuno si degni di darci spiegazioni. Non intendo rimanere qui a lungo alla mercé di chiunque voglia prendersi gioco di me. Chiunque esso sia.

MADELEINE: Aspettiamo ancora qualche minuto. Forse qualcuno si farà vivo per darci qualche spiegazione. Non credete?

GERTRUDE: Madeleine ha ragione. Cosa ci costa? Pensate che corriamo qualche pericolo?

SELENE: Che dici… Come ti chiami? Gertrude, non è vero? Non penso che ormai noi si possa temere nulla più. Non siete d’accordo?

(Si sente un ticchettio fuori scena.)

MADELEINE: Non sentite anche voi questi ticchettii? Questi rumori secchi e rapidi? Qualcosa o qualcuno si sta avvicinando.

GERTRUDE: Non muoviamoci da qui. Aspettiamo di vedere chi o cosa possa essere.

CLAIRE: Un’ombra, laggiù, non vedete anche voi? È una persona, forse potrebbe avere bisogno di aiuto.

SELENE: Sì, la vedo. Sembra muoversi con incertezza. Andiamogli incontro. Chi viene con me?

(Madeleine si fa avanti. Tornano accompagnando al centro del palco un vecchio con un bastone da ciechi, standogli ai fianchi. Poi ritornano ai loro posti.)

GEORGE: Sono stato fortunato, le vostre voci mi hanno fatto da guida. Ne ho distinte con chiarezza quattro. Siete quattro non è vero?

Grazie per avere accompagnato un povero cieco. Questo bastone mi è un po’ d’aiuto almeno per non inciampare negli ostacoli.

Scusate la mia invadenza. Non voglio essere indiscreto.

GERTRUDE: Desidera mettersi comodo, sedersi? Chi siete?

GEORGE: Grazie. Mi siederei proprio volentieri. È molto che cammino.

(Gertrude e Selene portano in scena una sedia girevole con i braccioli e aiutano George a sedersi in modo che nonostante la sua cecità possa volgersi verso chi parla.)

GEORGE: Comoda questa sedia. È molto che siete qui? Vi conoscete già?

(con una certa inquietudine)

Se la cosa non vi fosse di troppo disturbo, gradirei bere un po’ d’acqua.

(Le donne si guardano interrogative. Madeleine gli porge la sua bottiglia mettendogliela fra le mani dopo averla aperta. George fa un cenno di ringraziamento col capo.)

MADELEINE: Siamo arrivate anche noi da poco. Abbiamo avuto giusto il tempo di dirci i nostri nomi. Il mio è Madeleine, poi Claire, Gertrude e Selene.

(indicandole una ad una)

Voi piuttosto! Voi chi siete?

GEORGE: Avete ragione. Sono imperdonabile. Non mi sono presentato. Mi chiamo George.

(Lo pronuncia “Gheorg”. Sorride ironico. Pausa)

 Veramente quello non è il mio vero nome.

Come del resto non lo sono nemmeno quelli che mi avete indicato come vostri. Accetto di giocare al vostro stesso gioco. Rispetto il vostro desiderio di riserbo, comprendo una qual certa diffidenza, ma…

(indugia pensieroso)

alla fine, sono sicuro che qualcuno tra chi ci ascolta verrà vinto dalla curiosità e se lo vorrà, riuscirà a scoprire chi siete.

CLAIRE: Quindi voi sapete!

(Breve attimo di incertezza generale)

GEORGE: Sono io l’artefice di questo incontro. Ho fatto in modo che vi poteste trovare qui con me per parlare di voi, di voi come donne, quattro donne speciali.

Veramente dovevate essere cinque, ma all’ultimo momento una di voi non se l’è sentita di venire.

Il dolore è ancora vivo nella sua memoria e nella sua carne, una ferita ancora aperta.

Forse sono stato indelicato nell’invitarla e chiederle di parlarci della sua storia perché la violenza subita, i modi con cui è stata compiuta pubblicamente, davanti alla gente del suo villaggio, l’ha minata moralmente in modo direi, direi … irrimediabile.

Mi ha scritto una lettera, non sapeva ancora che non avrei potuta leggerla.

Qualcuna di voi vorrebbe farlo al posto mio?

(nessuna avanza)

Forza, coraggio, chi si fa avanti?

(si fanno avanti in due, poi Gertrude lascia l’iniziativa a Madeleine e torna al suo posto. George le porge una busta. Madeleine al centro della scena estrae la lettera, si schiarisce la voce e legge.)

MADELEINE: “Rispondo al suo invito pur avendo deciso di non essere presente. Le ragioni della mia assenza non hanno nulla a che vedere con le lodevoli intenzioni della sua iniziativa, ma sono di natura personale.

Essere tra voi mi sarebbe difficile, parlare di me, del modo disumano con cui sono stata ‘giustiziata’ secondo una visione chiaramente distorta di giustizia mi è ancora terribilmente penoso. Ancora oggi rivivo con un dolore insopportabile quello che mi è stato inflitto.

Non voglio però rinunciare a dare la mia testimonianza e per questo motivo mi sono decisa almeno a scrivervi. Quando, mio malgrado, la memoria torna a quel giorno provo ansia e sgomento.

La ferocia e i modi ancora mi offendono e mi feriscono più delle pietre che mi hanno sfigurata.

Incamminarsi però lungo sentieri di odio, di rivalsa servirebbe solo a perdermi, a generare altro odio e non mi restituirà la dignità e la vita.

Ricordare potrà servire almeno ad evitare qualche inutile massacro e rendere giustizia in tempo a chi l’ingiustizia non l’ha ancora subita.

Le mie parole non devono suonare come la condanna di un’etnia, di una cultura particolari.

Uccisioni come la mia sono una realtà quotidiana ovunque, l’approdo di reiterate piccole e grandi violenze ripetute nei millenni con ostinazione e senza pudore.

Chi crede di trovare spiegazioni e giustificazioni nelle differenze in una modalità piuttosto che in un’altra cavillando sui distinguo, appellandosi a legittimazioni o meno di regole sociali e religiose perde il suo tempo prezioso rincorrendo fantasmi.

Mentre si discute, si dibatte, si cerca, anche in buona fede, di capire, altre donne continuano a morire.

Mi ha offesa la crudeltà, il lancio della prima pietra dalla mano di mio padre, poi di mio marito, poi dei figli maschi, infine degli uomini del mio villaggio, istigati, annebbiati, accecati da un odio immotivato.

Ma che uomini erano nell’usarmi come un bersaglio, legata e immobile dentro una buca?

Non donne tra i miei carnefici, solo uomini che urlavano la manifestazione della giustizia divina.

La mia disperazione, la mia angoscia mi sopravvive.

Sono sfinita, sfiduciata.

La pena che mi hanno inflitto è un gesto osceno e sproporzionato anche fossi stata veramente colpevole del più orrendo dei delitti.

Non provo rancore, non mi rincuora la vendetta, non mi conforta sapere se sentiranno il peso della colpa.

Ogni pietra ha scavato un solco profondo e l’umiliazione fa più male di ogni colpo subito.

Scusatemi, ma non ho la forza di continuare.

Che possiate fare tesoro di tutto questo“

(Segue un attimo di silenzio.)

C’è uno scarabocchio, credo che sia il suo nome, ma non so leggerlo.

(Madeleine restituisce la lettera a George)

GEORGE: Cosa altro potrebbe essere se non una firma, il suo nome.

So bene chi fosse e chi siete voi ed è importante che lo diciate sommariamente almeno, anche senza pronunciare i nomi veri.

Però prima, vi chiedo una cortesia. Andate là dietro per cambiarvi.

Troverete i vostri vestiti di un tempo, il vostro tempo.

Mentre lo fate inizierò a dirvi io chi sono. Non che la cosa sia importante.

È un atto di cortesia, di correttezza nei vostri riguardi.

(Escono tutte e rientreranno con i vestiti descritti all’inizio.)

 Mi chiamano il Vate, l’Omero del ventesimo secolo per via del mio handicap e del mio poetare. Labirinti e biblioteche infinite sono casa mia.

Sono qui perché mi interessa il vostro punto di vista su voi stesse, su quello che il futuro vi riserverà anche se, nonostante le vostre legittime rivendicazioni e qualche progresso, avverto il pericolo di uno stallo, addirittura di un travisamento, di una deriva.

La corsa dissennata per raggiugere gli stessi traguardi del maschio rischia di snaturarvi. Commettendo l’errore tragico di diventare come lui, vi alienerete. Dovete trovare una via che sia la vostra via.

CLAIRE: George ancora un uomo nel ruolo di moderatore, per suggerirci cosa si debba fare? Sappiamo benissimo badare a noi stesse, il buonismo e le lusinghe non aiutano né chi le fa né chi le riceve se non nell’immediato, ma non elimina le cause del disagio.

Qualche magra consolazione non può smorzare l’impatto di una rivoluzione culturale e radicale. Io non mi sono spesa per ottenere privilegi, si tratta di fare giustizia ora e subito di una discriminazione storica e immotivata.

Nella mia vita ho fatto della parola lo strumento per generare consapevolezza e di tutte le etichette che mi hanno affibbiato non so cosa farmene.

È mio l’aforisma per cui donne non si nasce, ma lo si diventa.

La maternità è una potenzialità, non un obbligo di natura. Così ci ha marchiate l’uomo che sembra incapace di vedere oltre un ruolo ed una funzione.

Per ora può bastare.

Vuoi continuare tu Gertrude?

GERTRUDE: Sono monaca per vocazione e non ho mai temuto di mettermi a rischio con il mio operare. Altre donne in situazioni molto simili hanno pagato un prezzo altissimo con la persecuzione e con la vita. Penso di essere stata una rivoluzionaria, ma senza venire mai meno ai vincoli di obbedienza verso la Chiesa.

Prima le visioni, che mi hanno permesso di guadagnare rispetto e considerazione, poi gli scritti sulla medicina. Tutto mi veniva da Dio.

Alla fine, non ho detto di Dio altro che già non si sapesse.

Gli uomini mi hanno trattata da santa molto prima che lo diventassi di fatto. Non ho mai pensato di vivere “contro” qualcosa o qualcuno, ho agito nella Chiesa dall’interno godendo del consenso di Papi, Vescovi e del riconoscimento di uomini consacrati e di governanti.

Tutto mi è stato dato senza che lo chiedessi.

Alla fine dopo circa ottocento anni di alterne fortune, sono stata dichiarata Dottore della Chiesa, io che non conoscevo il latino né avevo potuto studiare teologia.

(Claire con tono acceso)

CLAIRE: Qualcuno facendoti questo, si è solo lavato la coscienza per poter dire che la femmina è riconosciuta e non discriminata anche se ricopre sistematicamente funzioni rituali minori rispetto ai maschi e su di lei pesi da sempre l’eredità di Eva come istigatrice al peccato.

La Chiesa è profondamente intrisa di maschilismo e talvolta misogina.

Dio è dipinto con tratti inequivocabilmente maschili, suo Figlio lo stesso.

Maria fa eccezione perché madre.

Forse gli angeli sono asessuati, ma hanno nomi maschili.

A qualche compromesso sarai dovuta pur giungere per ottenere consensi e il beneplacito delle autorità ecclesiastiche.

GERTRUDE: Questo è ciò che pensi tu. Non sono venuta a patti con nessuno perché i miei scritti fossero riconosciuti. Fui semplicemente creduta. Dichiaravo il vero quando affermavo che quanto scrivevo di medicina venisse da Dio, come le visioni. Ho parlato di argomenti che erano di scandalo e che nessuno si aspettava venissero trattati da una claustrale.

Devi riconoscermi del coraggio se pensi alla mentalità dell’epoca.

Ho vissuto in una società profondamente maschilista di cui erano intrise anche le regole monastiche che non tenevano conto della fisiologia femminile.

Facendolo, ho scritto liberamente e senza mentire o forzare nulla.

Ho cercato la verità e non il consenso.

Oggi le cose vanno un po’ meglio.

CLAIRE: Come può essere possibile che un Dio descritto come misericordioso, che vuole la felicità delle sue creature possa sentirsi gratificato nel chiedere o approvare di sacrificare la propria vita castrandola, amputandola di quelle possibilità che la renderebbero più gradevole?

GERTRUDE: Io non vedo le cose in quel modo. Se quando parli di “possibilità” intendi il matrimonio, la maternità, qui, proprio tu, hai detto con forza che vanno considerate come potenzialità e non obblighi.

Mi sono sentita libera nelle mie scelte, e sono stata felice.

Tu lo sei?

CLAIRE: Cosa c’entra ora questo! Non sono felice, ma a causa delle ingiustizie che vedo ripetersi da sempre sulle donne.

Dei miei pensieri, delle mie lotte non mi sono mai pentita.

Selene, ora parlaci di te.

SELENE: Io sono stata filosofa e scienziata nella patria della cultura ellenistica andata irrimediabilmente perduta.

Ho fatto della conoscenza la mia compagna di vita.

Ho sposato il sapere, la tolleranza e mai nessun uomo.

Anche io come Gertrude vissi secondo scelte mie e non imposte.

Ho pagato a caro prezzo la coerenza ai miei principi.

Fanatici e non uomini di fede come si proclamavano, mi hanno massacrata e ridotta al silenzio pensando di condannarmi all’oblio.

Vorrei essere ricordata per quello che sono stata: una donna coerente e libera.

GEORGE: Madeleine, lei è rimasta l’ultima. Che cosa può raccontarci di sé?

MADELEINE: Cosa posso dire, io? A dispetto di tutte voi non posso vantare nulla di eclatante. Di me esistono soprattutto i dipinti che mi fece un artista geniale italiano a Parigi di cui sono stata la compagna fedele e fidata fino alla fine. Quei ritratti mi hanno resa famosa.

Eppure, dicono che avessi talento per la pittura, doti artistiche che non ho espresso compiutamente con la dovuta forza e determinazione.

Gli ho fatto dono di tutta me stessa, della mia vita al punto di rompere i rapporti con la mia famiglia di origine e condividere con lui una vita di stenti.

(Claire prima di parlare guarda le altre poi si volge a Madeleine con aria infastidita)

CLAIRE: Ti sei immolata per lui, ti ha soggiogato alle sue necessità, al suo egocentrismo maschilista da genio incompreso ed incurante di chi gli stesse intorno, tutto ripiegato su sé stesso. Anche io ho amato un uomo di cui ho sempre riconosciuto una certa superiorità intellettuale, ma mai e poi mai ho fatto scelte che non avessi ponderato e fatte mie con indipendenza di giudizio.

(Con tono triste)

MADELEINE: L’avresti dovuto vedere! Era così malato nel corpo e nello spirito ed allo stesso tempo così estroso, profondo.

Non avevo scelta.

Io sola l’ho capito e liberamente amato anche quando lo vedevo consumarsi vittima dell’alcool e della malattia.

Il gesto, considerato da tutti folle, immorale, disperato, di gettarmi incinta dalla finestra di casa dei miei il giorno dopo la sua morte, lasciando orfana una figlia, l’ho vissuto come il naturale modo di condividerne la vita oltre la vita.

GERTRUDE: Come per Madeleine, la mia, che era fede in Dio, è stata una forma d’amore assoluta. Entrambe indiscutibili.

(Buio. Fine prima scena)

 

Scena seconda

(La scena si riapre con attrici/attore nelle stesse posizioni prima della pausa. Musica.)

GEORGE: Credevo che la letteratura potesse salvare il mondo, ma ha tempi lunghi, troppo lunghi.

Ci sono questioni urgenti da risolvere e voi donne, femmine forgiate dall’esistenza, avete il dono di un pragmatismo efficacissimo, quando non siete distratte dalla passione, e potreste avere più facilmente successo di noi.

SELENE: George, non è questione di sostituirsi a qualcun altro e risolverne i fallimenti e comunque la passionalità non può essere addotta come una colpa.

È mancata la metà del mondo che nella storia ha avuto poco o per nulla modo di farsi sentire, di dire le proprie ragioni.

Si tratta di assenza e soffocamento di un’opportunità.

Una chiara estromissione da parte di chi ci ha negato la dignità e trattate come un oggetto di proprietà considerandoci per quello che servivamo come fattrici o compagne nell’ombra.

MADELEINE: Non sarà necessaria una guerra, il femminismo non ha connotazioni violente ed esclusive.

La donna in potenza pensa al plurale; può mettere al mondo altri esseri sapendo che non sono una perfetta replica solo di sé stessa, ma una mescolanza che genera nuove identità.

CLAIRE: La libertà per la donna di essere sé stessa, aiuterà anche il maschio ad uscire da prigioni rassicuranti costruite su abitudini millenarie e liberarsi da ruoli che l’hanno relegato in stereotipi, mercé di un patriarcato imperante che spesso li ha costretti ad una forma di comunione, di cameratismo a vantaggio di solo una parte di loro. A tutti gli altri è stato insegnato, imposto in modo subdolo, che c’è un solo modo di essere uomo e da questo non ci si può discostare senza cadere nel disprezzo, nell’ironia, nella disapprovazione.

Ci aspetta un lungo e duro lavoro come madri perché dovremo imparare a crescere persone libere, soprattutto da pregiudizi, i maschi, non a discapito di sé stessa e delle altre donne che frequenterà.

Libere loro, prima di tutto, da un destino a cui si sono adeguate facendosi erroneamente una ragione del loro mal-essere perché convinte di non avere soluzioni: così doveva essere se così è andata.

SELENE: Avete parlato di identità femminile da trovare, da ricostruire.

Quella c’è, c’è sempre stata. È un falso problema.

Basterebbe il rispetto, la libertà di essere, di fare e la cosiddetta identità non avrebbe la necessità di essere descritta, venire sviscerata, scavata e riportata alla luce.

MADELEINE: Ha ragione Selene.

George, dove trova l’identità al femminile nelle nostre quattro storie?

C’è forse un unico modo di esserlo?

Poco o nulla sembra unirci. È inutile lo sforzo di trovarla in vite tanto diverse. L’identità è quella che emerge naturalmente, si trova nell’unicità delle nostre esperienze.

Semmai l’identità al femminile servirà di pretesto per far capire a tutti che un’identità di genere si rispecchia in quella della persona.

CLAIRE: Il Maschilismo è figlio del patriarcato. È un sistema di privilegi a cui anche le donne, poche, possono ricorrere per raggiungere risultati più agevolmente ed il sessismo ne rappresenta lo strumento che si inventa una superiorità di alcuni su altri ed in questo non è diverso dal razzismo. Pensare ad un matriarcato in contrapposizione non aiuterà però nessuno; servirà solo a far ricadere i piatti della bilancia dall’altra parte rispetto al patriarcato, ma è comunque un errore. Una bilancia non si riequilibra con la danza dei piatti che oscillano a turno prima da una parte e poi dall’altra, ma quando entrambi sono ben allineati.

(Le donne si riuniscono in un conciliabolo a voce bassa. George al pubblico)

GEORGE: Potremmo continuare a parlare per molto tempo ancora.

Non voglio abusare troppo della vostra pazienza.

Il nostro voleva essere una suggestione, un lievissimo gioco di teatro.

Magari qualcuno avrà riconosciuto chi si cela dietro i nostri nomi e sarà nata la curiosità di conoscere meglio loro, soprattutto.

Qualcun altro sentirà di essere d’accordo su poco o nulla di quanto è stato detto qui e rimarrà della propria idea.

Non è importante aver detto cose nuove né creare consenso a tutti i costi, lo fanno già altri per fama, per protagonismo, sfruttando bisogni e paure.

A noi basta aver gettato un sassolino nello stagno per dare vita a piccole onde di interesse.

Tornate alle vostre case.

La vita fuori di qui vi reclama…

(Breve pausa)

…ma non spetta a me l’ultima parola.

 (George fa un passo indietro e le quattro donne guadagnano la scena tutte allineate. Si scambiano un segnale guardandosi in volto. Poi si volgono verso il pubblico e parlano all’unisono.)

GERTRUDE, SELENE, MADELEINE, CLAIRE: Non chiediamo pietà, vendetta, riconoscimenti né il permesso di essere quello che siamo da sempre.

È solo questione di dignità, di cancellare ingiustizie e liberarsi della zavorra dei condizionamenti che vogliono far credere che nulla possa cambiare e che se le cose stanno così da tempi immemorabili è giusto che tali rimangano per colpe inesistenti e inique.

Non sappiamo che farcene di leggi speciali che ci favoriscano.

Leggi punitive, dichiarazioni forti e volitive di condanna, vengono tutte troppo prima o troppo tardi e sono il minimo che si possa fare, ma non spostano gli squilibri di millenni.

Non si tratta di togliere niente a nessuno, di pareggiare i conti come se fossimo vasi comunicanti con gli uomini e solo privandoli di qualcosa, a noi sia possibile acquisire quanto ci spetta, senza umilianti ed inutili contrattazioni.

Non cerchiamo compassione e nessuno sforzo di tolleranza.

Determinazione e coraggio non significano violenza, quella violenza che è solo capace di generarne altra in un girotondo infinito e che abbiamo subito ingiustamente ed ancora oggi subiamo per paura, per insicurezza, per ignoranza, figlie dei preconcetti che ci circondano.

Vogliamo essere libere di corteggiare, di essere corteggiate, di amare ed essere amate o di non esserlo affatto, di rispettare ed essere rispettate, di scegliere, di decidere.

Quattro vie, quattro possibili opzioni tra mille altre.

Nessuna migliore delle altre in assoluto.

Abbiamo prestato le nostre voci a tutte le donne che voce non l’hanno potuta avere e che ancora oggi la devono soffocare sotto il macigno di pregiudizi secolari.

Se tutti ci dessimo la mano per formare un’interminabile catena e ci guardassimo negli occhi, uomini e donne, in silenzio, con l’onestà che viene dalla verità, cadrebbero le lenti deformanti con cui siamo state guardate per secoli,

ed invece che…

MADELEINE: solo madri, sorelle e figlie

CLAIRE: il diavolo,

SELENE: le streghe,

GERTRUDE: le dissolute tentatrici di Adamo,

MADELEINE: le belle e sceme,

CLAIRE: le prostitute

SELENE: le brutte e intelligenti

GERTRUDE: quelle alienate ciclicamente con i ritmi della luna

GERTRUDE, SELENE, MADELEINE, CLAIRE: e quanto di limitante o di avvilente o di peggio si possa dire su di noi con insolenza e brutalità,

tutti vedrebbero finalmente

quello che semplicemente siamo:

donne… soprattutto persone.

 (Buio in scena mentre si riascolta la fuga del brano.)

FINE

CANTO MULIEBRE PER QUATTRO VOCI ED UN POETA Complimenti Giuseppe Raineri, un ottimo testo che merita di essere portato in scena; questo è il nostro augurio

 

MA E’ SOLO UNA CRISI ECONOMICA?

MA E’ SOLO UNA CRISI ECONOMICA?

By Martina Servidio

O anche crisi dei valori umani?

Questa riflessione è scaturita durante un interessante colloquio avuto recentemente con un mio mentore, Andrea.

Tutti noi parliamo sempre e soprattuto dell’attuale e profonda crisi economica e dell’altrettanta pericolosa crisi sanitaria causate ambedue dalla pandemia ma, ben pochi, mettono in primo piano una crisi più grave che ci corrode dentro.

Parlo della crisi dei valori umani.

Ritengo che ci dovremmo preoccupare molto di più della nostra società che attribuisce maggiore importanza ad una persona dotata di cospicue risorse economiche e dalla forza che gli deriva dalla posizione di previlegio che ricopre nella comunità mentre, il comune cittadino, viene perlopiù ignorato e a cui non vengono riconosciuti, o riconosciuti a prezzo di estenuanti battaglie, i suoi basilari diritti.

MA E’ SOLO UNA CRISI ECONOMICA?La vita quotidiana ci mette sempre davanti agli occhi dei “minuscoli esseri” che sono alla costante ricerca di beni materiali nel tentativo, spesso vano, di colmare un profondo vuoto interiore, una cronica insoddisfazione; essi si costruiscono una felicità di facciata nel tentativo di nascondere la loro solitudine “spirituale”

Molto spesso, questi, esercitano il loro potere soverchiando e soggiogando – spesso in maniera surrettizia – il proprio prossimo.

Possiamo dire che viviamo in una società in cui la tensione è puntata a produrre ricchezza ma che ci rende poveri dentro?

Dovremmo mettere un freno alla logica materialista ed accendere i riflettori anche sull’aspetto umano della società e sulla sua crescita morale.

MA E’ SOLO UNA CRISI ECONOMICA?Lo “Smart Working”, resosi necessario per reagire alla crisi sanitaria che imponeva il distanziamento anche negli uffici, è forse diventato un “mostro” che fagocita i tempi e la vita, anche familiare, delle persone?

Non lascia spazio né orari “sacri”, il PC è sempre on line perché si deve essere pronti a rispondere alle richieste di riunioni anche estemporanee.

Non è stato forse messo in piedi un sistema, inizialmente dettato dall’emergenza, che invece è ora diventato una routine di lavoro?

Non si corre il rischio di “overload work” come paventano gli analisti che stanno studiando il fenomeno e le sue implicazioni?

“Credo dipenda dal sistema che abbiamo implementato e che, volenti o nolenti, continuiamo ad alimentare perché lui alimenti noi”; queste sono le parole che mi hanno indotto alla riflessione.

Ritengo sia necessario auspicare una inversione di tendenza del comune pensiero e che proponga, soprattutto ai giovani, l’idea che la vera felicità non è solo avere beni materiali ma soprattutto la ricchezza interiore che si manifesta nell’altruismo, nella solidarietà, nella generosità e cosa ben importante nel rispetto di noi stessi e del prossimo. Queste qualità dell’animo vanno coltivate giorno per giorno; solo così potremo rendere il singolo individuo una persona migliore.

Certamente le risorse materiali sono importanti, ma niente e nessuno potrà mai privare una persona della sua ricchezza interiore, della sua reputazione, della sua figura stimata.

Queste ricchezze interiori lo accompagneranno nel tempo e nel ricordo, anche dopo il suo viaggio terreno.

Grazie, Martina Servidio.

 

 

RAI 2 CELEBRA “STRAVINSKY’S LOVE”

RAI 2 CELEBRA “STRAVINSKY’S LOVE”

By Martina Servidio

RAI 2 CELEBRA “STRAVINSKY’S LOVE”

Rai 2 celebra Igor Stravinsky (1882-1971) nel 50° anniversario della sua morte con STRAVINSKY’S LOVE un programma di Domenicantonio Minasi e Stefano Cacciagrano in collaborazione con Paola Rosmini, con la regia di Giovanni Caccamo e con la direzione artistica di Daniele Cipriani.

L’evento è prodotto dalla Fondazione Teatro Carlo Felice in collaborazione con DANIELE CIPRIANI ENTERTAINMENT.

E’ uno spettacolo incentrato sull’amore del compositore russo per la danza, arte che dichiarò sempre di prediligere sopra ogni altra; sarà condotto da Veronica Maya ed andrà in onda il 20 luglio in seconda serata, dal Nervi Music Ballet Festival.

Veronica Maya sarà accompagnata da personaggi della cultura quali Giovanni Allevi, Paolo Mieli, Dario Salvatori e Silvana Giacobini, che racconteranno “il loro Stravinsky”.

Dai Parchi di Nervi (Genova), complesso naturalistico storicamente legato alla danza, Veronica Maya racconta la figura di Stravinsky, attraverso un viaggio dell’anima, da San Pietroburgo a Parigi e Napoli, dalle Alpi svizzere a New York parlando di musica, di amore e moda, dei suoi rapporti con personaggi come Serghei Diaghilev, Pablo Picasso e Coco Chanel con la quale il grande pittore visse una breve ma intensa passione.

La Maya parlerà anche dell’infinito amore che il compositore nutriva per l’Italia, che visitò molto spesso, tanto da decidere di essere sepolto a Venezia.

Veronica parlerà dell’amore di Stravinsky per la danza attraverso le esibizioni e le storie dei musicisti e dei ballerini dello spettacolo Stravinsky’s Love di Daniele Cipriani.

Tra gli artisti vedremo l’ex-stella del Bolshoi, Vladimir Derevianko

RAI 2 CELEBRA “STRAVINSKY’S LOVE” che con il suo inconfondibile accento russo impersona Stravinsky e Beatrice Rana che è una delle più apprezzate pianiste sulla scena musicale internazionale odierna.

Davide Dato dell’Opera di Vienna, Jacopo Bellussi e Alessandro Frola dello Hamburg Ballet e Sergio Bernal il “Roberto Bolle del Flamenco” saranno le stelle italiane della Danza che brillano sui palcoscenici all’estero.

RAI 2 CELEBRA “STRAVINSKY’S LOVE”Una segnalazione di merito è rivolta al Sovrintendente Claudio Orazi del Teatro Carlo Felice di Genova, la cui Fondazione ha fortemente voluto il progetto stravinskiano, al compositore e direttore d’orchestra Marcello Panni che conobbe personalmente Stravinsky, al musicologo Gastón Fournier-Facio che ci porterà tra le note che danzano sugli spartiti del compositore, alla costumista Anna Biagiotti la quale, per l’occasione, ha riprodotto modelli disegnati da Léon Bakst, Alexandre Benois e dal grande Pablo Picasso.

Con Stravinsky’s Love i telespettatori avranno un assaggio dei celebri balletti di Stravinsky, alcuni nelle coreografie originali, altre in nuove versioni

Assisteremo alle rappresentazioni di Petrushka (cor. Fokine), a L’Uccello di fuoco (cor. Goecke), a Pulcinella (coreografato e interpretato da Simone Repele e Sasha Riva), a La Sagra della primavera (prima italiana della coreografia di Uwe Scholz, interpretata da Davide Dato), a Histoire du Soldat (in un’originale versione “flamenco” creata per Stravinsky’s Love e interpretata da Sergio Bernal e Ashley Bouder del New York City Ballet), ed ancora a Peter and Igor, una nuova creazione di John Neumeier dedicata all’amore musicale tra Igor Stravinsky e Pyotr Ciaikovsky.

I tasti del pianoforte che accompagna l’esibizione danzeranno sotto le dita di Beatrice Rana e Massimo Spada

RAI 2 CELEBRA “STRAVINSKY’S LOVE”mentre le corde di un pregiato Stradivari vibreranno sotto l’arco della violinista Simone Lamsma.

Direttore della fotografia è Marco Lucarelli. Sullo schermo scorreranno anche immagini di repertorio provenienti dall’archivio della Fondazione Igor Stravinsky di cui è presidente la nipote del grande musicista, Marie Stravinsky.

Ufficio Stampa Daniele Cipriani Entertainment

Simonetta Allder

ufficiostampa@danielecipriani.it

339 7523505

Ufficio Stampa Teatro Carlo Felice

Nicoletta Tassan Solet

tassansolet@carlofelice.it

348 6418066

PH ufficio Stampa Daniele Cipriani Entertainment & Orselli

Buona visione, Martina Servidio

 

ANCORA BUONE NOTIZIE PER PAPA FRANCESCO

ANCORA BUONE NOTIZIE PER PAPA FRANCESCO

By Martina Servidio

Sua Santità Papa Francesco continua ad essere curato amorevolmente da tutta l’equipe sanitaria dopo l’intervento chirurgico all’intestino di domenica 4 luglio.

La convalescenza e la riabilitazione del Santo Padre al Policlinico Gemelli mostrano segnali sempre più positivi che lasciano ragionevolmente sperare nel Suo prossimo ritorno in Vaticano.

Francesco domenica scorsa ha recitato l’Angelus dal balcone del decimo piano del Policlinico dove si trova l’appartamento destinato al soggiorno del Pontefice ma, prima, ha incontrato alcuni piccoli pazienti del vicino reparto di Oncologia Pediatrica insieme ai quali ha poi recitato l’Angelus.

ANCORA BUONE NOTIZIE PER PAPA FRANCESCONella circostanza Sua Santità, non particolarmente avvezzo a seguire i rigidi “protocolli” ha voluto far visita all’adiacente Reparto incontrando i malati ed il personale sanitario dando a tutti un segno di partecipazione, di condivisione e di incoraggiamento per chi soffre.

La sofferenza comune rende fratelli e sorelle perché suscita quel comune sentimento di umana fragilità.

Il “nostroPapa è proprio un uomo del nostro tempo e la sua visione globale tocca anche gli avvenimenti sportivi che hanno caratterizzato i giorni scorsi.

Non poteva mancare la gioia espressa per la vittoria della nazionale argentina di calcio ed anche di quella italiana soffermandosi sul vero significato dello sport, dei suoi valori e della capacità sportiva di saper accettare qualsiasi risultato che la competizione sportiva assegna, anche la sconfitta.

Anche lo sport ci pone davanti alle difficoltà della vita, ci si deve sempre mettere in gioco, si deve lottare senza arrendersi, dobbiamo essere forti nella speranza e fiduciosi nelle nostre possibilità.

Grande Papa Francesco.