IL NUOVO CAMILLERI E’…GIANNI MONTALTO

IL NUOVO CAMILLERI E’…GIANNI MONTALTO

A cura di Ilaria Solazzo.

Gianni Montalto è nato a Formia in provincia di Latina il 16 dicembre 1961. Sin da ragazzo la cultura egizia, e la storia millenaria che la alimenta, non ha mai smesso di affascinarlo. “La figlia del re” è il suo romanzo di esordio.

E’ uno scrittore contemporaneo bravissimo che tutti dovremmo conoscere… capace di suscitare grande ammirazione e feroci critiche, ma mai di lasciare indifferenti i suoi lettori. Il modo migliore per “scoprirlo” è, ovviamente, leggere il suo libro.

IL NUOVO CAMILLERI E’…GIANNI MONTALTO

I protagonisti di questa storia sono un uomo ed una donna Mary e Richard, i quali si trovano in Egitto, nella Valle dei Re, per una missione unica nel suo genere: il loro scopo è ritrovare un antichissimo manoscritto che dimostrerebbe l’esistenza di una figlia avuta dal faraone Tutankhamon a soli diciassette anni.

Informazioni concrete e leggenda si intrecciano intorno alla storia del manoscritto, ma i due archeologi sono convinti della sua esistenza e non intendono deludere il loro finanziatore. Non sono, però, gli unici ad avere intrapreso la ricerca del prezioso reperto: poco lontano dal loro campo, infatti, un’altra squadra ha il loro medesimo obiettivo. Gli scavi non portano alla luce granché, finché iniziano a manifestarsi degli eventi strani e inspiegabili: un vento furioso si abbatte sulla Valle scardinando le tende degli operai, e proprio quella notte Mary ritrova casualmente uno strano manoscritto.

Che sia quello che tutti stanno cercando? Qualcuno, però, sta seguendo nell’ombra ogni loro mossa, e da quel momento nessuno sarà più al sicuro. Tra continue sparizioni del manoscritto e brutali uccisioni, sarà arduo ricomporre i pezzi di questo intricato puzzle. Chi intende far conoscere la verità, e chi invece vuole solo confonderla?

La lettura scorre tra fortissime emozioni, enigmi da svelare, riferimenti storici e descrizioni affascinanti dei luoghi e dei personaggi che vengono sapientemente avvolti da un’aura che trasmette al lettore forti sensazioni visive ed emotive. La soluzione dell’enigma principale viene dispensata a piccole gocce, tramite la risoluzione di enigmi minori.

Oggi, abbiamo contattato l’autore, al quale abbia rivolto quattro domande per voi.

IL NUOVO CAMILLERI E’…GIANNI MONTALTO

ILARIA – Quando hai maturato l’idea di scrivere un romanzo?

GIANNI – Covavo da tempo l’idea di scrivere un romanzo, così circa due anni fa ho voluto dare sfogo alla mia immaginazione. Sono un appassionato della cultura egizia da quando ero ragazzo e mi piaceva l’idea di una storia che traesse origine dalle gesta di uno dei faraoni più famosi agli occhi del mondo, Tutankhamon. Il suo regno è durato molto poco, ma la scoperta della sua tomba, avvenuta nel 1922, lo ha fatto assurgere a gloria imperitura. Desideravo far muovere i personaggi in un ambiente reale ma con richiami al passato e spero d’esserci riuscito. Ho voluto dare un’impronta molto dinamica alla storia con un ritmo serrato, per invogliare il lettore a restare incollato al libro, sorprendendolo con frequenti colpi di scena, trascinandolo a un finale inaspettato. In buona sostanza, si tratta di un thriller moderno che si presta a più soluzioni perché ritengo che il lettore debba “interpretare” la storia come meglio desidera senza subire influenze esterne cercando tuttavia di cogliere il pensiero dell’autore.

ILARIA – Com’è nata in te l’idea di scrivere questa brillante storia?

GIANNI – La cultura egizia mi affascina da sempre. Ho avuto modo di leggere molti romanzi ambientati nell’antico Egitto e non volevo emulare altri autori, anche se molto blasonati, e così la mia storia l’ho ambientata ai giorni nostri. I luoghi in cui si muovono i personaggi sono in parte inventati anche se la loro descrizione, a volte molto particolareggiata, potrebbe far pensare a siti esistenti. Io penso che, al di là della storia narrata, il lettore dovrebbe essere lui stesso protagonista, tanto quanto i personaggi che ne fanno parte, catapultandolo in essa per renderlo partecipe di ogni situazione, diventando padrone dell’azione. Soltanto così potrà determinare gli eventi fino a prevederli ancor prima che glieli si rendano noti. Credo che ogni autore voglia che questo accada: sorprendere il lettore è il risultato migliore che uno possa aspettarsi.

ILARIA – Leggendo il tuo libro ho avuto la sensazione che tu abbia voluto lasciare aperta una porta al lettore affinché potesse dare una propria e personale interpretazione alla narrazione; sbaglio?

GIANNI – Hai perfettamente ragione. Ho voluto mettere il lettore al centro della scena, lasciandogli la libertà di interpretare a suo piacimento il racconto, sperando di averne condiviso molte aspettative.

ILARIA – Hai scritto “La figlia del re” con un obiettivo ben preciso?

GIANNI – L’idea era quella di propormi con una storia che poteva suscitare l’interesse del pubblico. La cultura egizia affascina da sempre il mondo e così ho pensato di metterla alla base di un racconto che avrebbe potuto incuriosire il lettore. Questo era l’auspicio. Solo il tempo mi dirà se avrò raggiunto l’obiettivo.

Dettagli sul libro

Titolo del libro: “La figlia del re”.
Autore: Gianni Montalto.
Genere: romanzo.
Editore: Europa Edizioni.
Formato: brossura.
Pubblicato: 31/03/2021.
Pagine: 346.
Lingua: italiana.
Isbn o codice id: 9791220108010.
https://www.europaedizioni.com/prodotti/la-figlia-del-re-gianni-montalto/

Auguriamo a Gianni Montalto tanto successo e vi invitiamo a comprare e leggere il suo eccellente libro.

 

“UN’ORA SOLA VI VORREI – ESTATE 2021″

“UN’ORA SOLA VI VORREI - ESTATE 2021"

By Martina Servidio

“UN’ORA SOLA VI VORREI - ESTATE 2021" Enrico Brignano annuncia la prima data del suo esilarante show “UN’ORA SOLA VI VORREI – ESTATE 2021″, che si terrà allo Stadio del Baseball ad Anzio (RM) il 17 Agosto.

Prodotto e distribuito da Vivo Concerti, lo show fa parte di una lunga ed applaudita tournée che porterà il comico in tutta Italia. Lo spettacolo è una analisi divertente dei più vari accadimenti e delle conseguenti riflessioni satiriche e comiche con cui Enrico Brignanodecodifica” i fatti. Enrico, un vero e proprio one man show del comico romano uscito dalla scuola del grande Gigi Proietti, intrattiene il pubblico con questo divertente spettacolo di varietà ricco di monologhi, musica e tanto divertimento, realizzato per catturare una sana risata benefica ma non dimentica di offrire spunti di riflessione su costume ed attualità

“UN’ORA SOLA VI VORREI - ESTATE 2021"

Con “UN’ORA SOLA VI VORREI – ESTATE 2021″Enrico Brignano torna quindi sulle scene con uno spettacolo che sfida e rincorre il tempo, il suo passato che è anche il passato di noi tutti fluttuante tra ricordi e nuove proposte

Enrico Brignano è incalzato dal trascorrere del tempo che è previsto dal suo spettacolo, cioè 1 ora e mezzo, e prorompe in un fiume ininterrotto di parole, di dialoghi e di gag che ha in serbo per il suo pubblico.

Sarà una calda estate per il nostro Enrico ma sarà certamente gratificato dagli applausi e dalla simpatia del pubblico.

Per informazioni e per acquistare i biglietti per gli show di Enrico Brignano visitare il sito vivoconcerti.com

CALENDARIO DATE:

Martedì 17 agosto 2021Anzio (RM), Stadio del Baseball NEW 

Sabato 21 agosto 2021 | Castello Pasquini, Castiglioncello (LI)

Domenica 22 agosto 2021 | Fortezza di Mont’Alfonso, Castelnuovo Garfagnana (LU)

Lunedì 23 agosto 2021 | “Estate di Stelle” Piazza Grande, Palmanova (UD)

Venerdì 27 agosto 2021 | Piazza Duomo, Prato

Sabato 28 agosto 2021 | Piazza del Popolo, Alba Adriatica (TE)

Venerdì 3 settembre 2021 | Arena Villa Dante, Messina

Sabato 4 settembre 2021 | Arena Piazza Libertà, Ragusa

Martedì 7 settembre 2021 | Rotonda del Lungomare, Taranto

Mercoledì 8 settembre 2021 | Piazza Libertini, Lecce

Giovedì 9 settembre 2021 | “FuoriMuseo 2021” Piazza Duomo, Trani (BT)

Venerdì 10 settembre 2021 | Parco delle Rose, Lanciano (CH)

Lunedì 13 settembre 2021 | Teatro Greco, Taormina (ME)

Mercoledì 15 settembre 2021 | Arena di Verona

Video RAI tratto da YouTube ad uso non commerciale.

STING, TRENTA ANNI DI SUCCESSI

STING, TRENTA ANNI DI SUCCESSI

STING, TRENTA ANNI DI SUCCESSI

By Martina Servidio

Il musicista rock inglese, Sting, ha attraversato da protagonista l’ultimo trentennio musicale, prima alla guida della band Police con la quale ha sovvertito la sintassi del rock poi, come raffinato solista pop, ha sintetizzato una formula di successo comprensiva di elementi jazz, pop ed etnici.

Sting è il nome d’arte del musicista inglese Gordon Matthew Sumner,  classe 1951 che, dopo avere partecipato come bassista e vocalist all’esperienza con i Police, intraprende una carriera in proprio.

La sua passione per il jazz è chiaramente visibile già dalle sue prime apparizioni insieme alle numerose band giovanili locali. La prima esibizione in proprio, The dream of the blue turtles (1985) avviene quando ancora i Police non hanno concluso il loro percorso artistico ma il taglio che Sting opera con il passato è ormai irreversibile.

STING, TRENTA ANNI DI SUCCESSISi circonda di jazzisti di valore come il sassofonista Brandon Marsalis e Omar Hakim alla batteria; pop, jazz e canzoni d’autore rimarranno il filo conduttore della sua produzione. 

If you love somebody set them free ed anche l’inno al disarmo – Russians – fanno intravedere le ambizioni musicali, intellettuali e sociali di Sting che si propone come autore e compositore pop di qualità.
L’ultimo capitolo di un ormai stanco e consumato  rapporto di Sting con i Police è il singolo Don’t stand so close to me.

Tra impegno sociale e riflessione privata si svolge da ora in poi la carriera di Sting che pubblica brani come They dance alone  dedicata alle madri di Plaça de Mayo e al dramma dei desaparecidos sotto la dittatura argentina. Si rafforza anche l’impegno sociale del cantante a favore di Amnesty International e per la causa ambientalista della Rainforest Foundation.

Veniamo ora al presente poichè sono state recentemente  annunciate due nuove date del tour internazionale di Sting, “My Songs” che farà tappa in Italia il 27 settembre 2021 al Teatro Antico di Taormina e sabato 2 aprile 2022 al Pala Alpitour di Torino oltre allo show già programmato per il 19 luglio 2022 a Parma.

STING, TRENTA ANNI DI SUCCESSI

Tutti gli spettacoli si svolgeranno nel pieno rispetto delle normative vigenti tenendo conto di una capienza ridotta e del distanziamento sociale.

Gli iscritti al Fan Club di Sting avranno la possibilità di acquistare i biglietti esclusivi per i due nuovi concerti a partire dalle ore 10.00 di mercoledì 23 giugno.

Per la data di Torino, i biglietti saranno disponibili in anteprima per gli utenti My Live Nation dalle ore 17.00 di mercoledì 23 giugno per 24 ore. Per accedere alla presale basterà registrarsi gratuitamente su www.livenation.it.

STING, TRENTA ANNI DI SUCCESSI

La vendita generale dei biglietti per entrambe le nuove date sarà aperta invece a partire da venerdì 25 giugno alle ore 10.00 su www.ticketmaster.itwww.ticketone.it e www.vivaticket.com.

Buona musica da Martina Servidio.

 

BOLERO – CARMEN AL PARCO DELLA MUSICA DI PARMA

BOLERO - CARMEN AL PARCO DELLA MUSICA DI PARMA

By Martina Servidio

MM Contemporary Dance Company porterà in scena, giovedì 15 luglio 2021 ore 21.30 due grandi titoli del repertorio musicale internazionale: Bolero e Carmen Sweet nell’ambito di Estate al Parco della Musica la rassegna realizzata da Teatro Regio di Parma e La Toscanini.

L’interpretazione è affidata a due coreografi italiani, Emanuele Soavi, da anni attivo in Germania presso prestigiose compagnie, e Michele Merola, direttore artistico della compagnia che con Bolero ha vinto il Premio Europaindanza 2017

Nel realizzare una nuova versione coreografica di Bolero, Merola si è confrontato con questa musica quasi ossessiva e ripetitiva, cercando di comprenderne l’identità, e la funzione, per arrivare così alla sua personale interpretazione.

 

Alla fine di questo percorso l’ispirazione del coreografo si è focalizzata sul ventaglio inesauribile dei rapporti umani, in particolare quelli di coppia, dentro ai quali, spesso, registriamo le reciproche e inconciliabili distanze tra uomini e donne; quel “muro trasparente” che spesso li divide.

Così, nelle diverse sfumature assunte dalla danza, la coreografia declina la varietà di umori che circolano intorno e dentro al rapporto di coppia. Nella coreografia si proiettano verso l’esterno, paure, desideri rimossi che rivelano interi universi, legami segreti che esistono tra le persone…e l’ironia lascia il posto al timore, l’amore al disinganno, il distacco alla condivisione in un crescendo e in un diminuendo, come la musica di Bolero.

Su questa stessa musica è intervenuto Stefano Corrias che da compositore raffinato ed esperto, ha creato una sua propria partitura musicale, liberamente ispirata alla versione originale del brano di Ravel.

Nella versione di Michele Merola, Bolero viene dunque raccontato come una non-storia, fantastica ma possibile, comunque pertinente al mondo reale. La danza, in stretta simbiosi con la musica, veicola una sorta di astratta fiaba amara, allegoria del dolore di vivere e dell’incomprensione fra esseri umani e diventa metafora della nostra esistenza.

Creazione esclusiva di Emanuele Soavi per la MM Contemporary Dance Company, Carmen Sweet è stata pensata tenendo conto dell’originale intenzione del compositore di creare un’opera-comique: così definiva Georges Bizet la sua Carmen, presentata a Parigi nel 1875.

In questo lavoro, rivisitando il leggendario canovaccio, l’azione ha inizio nell’arena in cui Carmen, Micaela, Frasquita, Mercédès, Don José, Zuniga, Escamillo danno libero sfogo alle loro emozioni.

L’azione è permeata di equilibri e di ricami, fra tensione e sospensione, dove movimenti e gesti vanno letti oltre l’apparente eleganza che sta sopra le righe. Il tutto è scandito dalle celeberrime note di Bizet, a volte interrotte dalle canzoni del gruppo canoro Los Panchos.

BOLERO - CARMEN AL PARCO DELLA MUSICA DI PARMALa MM Contemporary Dance Company è una compagnia di danza contemporanea diretta dal coreografo Michele Merola, nata nel 1999 come centro di produzione di eventi e spettacoli e come promotrice di rassegne e workshop ed ha sede a Reggio Emilia; Michele Merola ne è direttore artistico e coreografo principale.

Emanuele Soavi proviene dal Balletto di Toscana per poi toccare i palcoscenici del Teatro Petruzzelli di Bari e del Teatro dell’Opera di Roma. Nel 1998 si trasferisce in Germania dove lavora come solista per il Ballet Dortmund per poi passare in Olanda nella celeberrima compagnia Introdans. Notevole il suo lavoro di coreografo in tutta Europa ed in Germania riceve il premio come miglior Artista Interprete.

Biglietti

Bolero / Carmen  Intero          Under 30

Settore I                € 20,00                  € 10,00

Settore II               € 10,00                  € 10,00

È consigliato l’acquisto dei biglietti sul sito www.teatroregioparma.it, dove sarà possibile utilizzare i voucher ricevuti a fronte degli spettacoli non fruiti a causa dell’emergenza sanitaria. In alternativa, è possibile acquistare i biglietti per gli spettacoli presso la Biglietteria del Teatro Regio di Parma o, nelle serate di spettacolo, al Parco della Musica a partire dalle ore 20.30

Biglietteria del Teatro Regio di Parma Tel. 0521 203999 – biglietteria@teatroregioparma.it

 È possibile raggiungere il Parco della Musica in occasione delle serate di spettacolo attraverso i tre accessi di Viale Barilla 27/A, Via Toscana 5/A, Via Madre Teresa di Calcutta.