Noel Gallagher su Ibrahimovic: “Un fottuto idiota”

Due caratterini forti quelli del cantante Noel Gallagher e del calciatore Zlatan Ibrahimovic, a fronte di due personalità molto tenaci e decise. Due duri, insomma, che di certo quando parlano non dicono cose scontate o banali ma arrivano dritti al punto senza tanti giri di parole. Questa volta, però, l’ex Oasis ha decisamente espresso la sua opinione in maniera.. diciamo un po’ troppo diretta.

Noel Gallagher senza peli sulla lingua

Interrogato su cosa pensasse dell’attuale attaccante del Paris Saint-Germain, Zlatan Ibrahimovic, il cantante inglese, da sempre grande appassionato di calcio, ha espresso così la sua opinione: “Ibra? Non mi piace. È un fottuto idiota, un pallone gonfiato.”

IbrahimovicChiaro, chiarissimo il suo pensiero. D’altronde la vicenda burrascosa degli Oasis non poteva essere una casualità, tant’è che nel 2009 le irrimediabili differenze caratteriali tra Noel (chitarra e voce) e suo fratello Liam (voce e tamburello) portarono allo scioglimento dell’amato gruppo brit pop. Inevitabile, dunque, il parallelo tra Ibrahimovic e suo fratello Liam.

“È come mio fratello: parla tanto e non combina nulla -ha detto- Tatuaggi fighi, e bocca larga“. E allora, a fronte di queste parole, la memoria ritorna ancora una volta allo scioglimento degli Oasis, con insulti alla famiglia da un lato e violenza ingiustificata dall’altra. Nello specifico, si parlò all’epoca addirittura di una chitarra scagliata addosso da uno dei due fratelli verso l’altro; un modo decisamente sobrio e british di affrontare le discussioni.

Zlatan Ibrahimovic, un personaggio che fa discutere

Da parte sua, Ibrahimovic non è che al momento se la passi benissimo. L’età avanza, il peso degli anni inizia a farsi sentire e forse, tirando le somme, lo svedese ha raccolto molto meno di quanto avesse meritato. Al momento, i francesi lo considerano un peso.

IbrahimovicLapidario France Football: «Ibra ha perso il ruolo di condottiero, indebolito dagli infortuni e dagli acciacchi dell’età. Il Psg può tranquillamente fare a meno di lui grazie a giocatori in ascesa come Pastore e Cavani, pronti finalmente a prendere per mano la squadra». Che Ibrahimovic sia davvero giunto al capolinea in terra d’oltralpe?

In carriera Ibrahimovic ha spesse volte cambiato squadra (Juventus, Inter, Milan, Barcellona) inseguendo più e più volte la tanto agognata Champions League, senza mai vincerla. Allo stesso modo, anche il Pallone d’Oro gli è sempre sfuggito dalle mani, senza nemmeno avvicinarsi lontanamente a un traguardo del genere.

A fronte di alcune sue dichiarazioni passate (“Un mondiale senza di me è poca cosa, non c’è davvero nulla da guardare e non vale nemmeno la pena aspettarlo con ansia.”) la realtà dei fatti si è dimostrata un po’ diversa. Magari non come l’ha interpretata Noel Gallagher, però, ma sicuramente diversa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.