IL CIGNO BIANCO E IL CIGNO NERO

By Martina Servidio

IL CIGNO BIANCO E IL CIGNO NERO

Le cose sono sempre e decisamente bianche o nere?

NO, sono nel contempo tutte e due.

Il Cigno Bianco “Odette” e il Cigno Nero “Odile”, le due iconiche creature non a caso danzate dalla stessa ballerina ne Il Lago dei cigni, rappresentano ed in esse coesistono i due volti dell’essere umano.

Ci potremmo immergere nel dialogare sulle molteplici sfumature di bianco, di nero, di grigio, della illimitata sinfonia di colori ma – ora – vogliamo sottolineare la spinta propulsiva delle considerazioni che hanno ispirato “Il Cigno Nero”.

 E’ uno dei gala cult di Daniele Cipriani, organizzatore e curatore di grandi eventi di danza di respiro internazionale.

Ora, con un nuovo e brillante cast che, accanto a stelle internazionali come Sergio Bernal

IL CIGNO BIANCO E IL CIGNO NERO(già Ballet Nacional de España) e Ana Sophia Scheller

IL CIGNO BIANCO E IL CIGNO NERO(già New York City Ballet), include anche étoile e primi ballerini italiani.

Si esibiranno anche alcuni giovani ballerini italiani di grande talento che attualmente sono in forza presso importanti compagnie estere; Il Cigno Nero è un programma rinnovato ed approda al Teatro Coccia di Novara sabato 12 febbraio 2022 ore 20.30 e domenica 13 febbraio ore 16.

La rappresentazione sarà accompagnata dalle affascinanti proiezioni dei video degli artisti Ginevra Napoleoni e Massimiliano Siccardi, la cui itinerante mostra immersiva su Van Gogh ha incantato un numero enorme di visitatori in tutto il mondo .

Il Cigno Nero è un’indagine sui contrasti che costituiscono il fascino imperituro de Il Lago dei cigni

Le emozioni che emana e su cui poggia questo balletto – amore tormentato, seduzione, tradimento, incantesimi e trasformazioni – finirono sotto la lente d’ingrandimento nel film Black Swan di Darren Aronofsky che valse un Oscar, quale Miglior Attrice, a Natalie Portman.

La pellicola volle però guardare tali contrasti da un’angolazione sinistra mentre Il Cigno Nero ne fa un raffinato gioco di contrasti, serenamente accettati come componenti racchiusi in tutti gli esseri umani, eternamente sospesi nel contrasto tra luci e ombre, tra purezza e seduzione, tra maschile e femminile.

Se la pellicola spiava le vite e le nevrosi dei danzatori, Il Cigno Nero ci mostra il loro quotidiano percorso in un piccolo capolavoro del secondo Novecento, Three Preludes di Ben Stevenson interpretato da Andrea Sarri e Bianca Scudamore dell’Opéra di Parigi.

È questo il primo contrasto del gala: quello tra il costante e faticoso lavoro in sala e alla sbarra e lo scintillante sfoggio, di lì a poco, nei brani di virtuosismo. Three Preludes ci mostra inoltre l’eterno confronto o l’accordo tra ‘lui’ e ‘lei’, tra il ballerino e il suo doppio alla specchio e – con la sbarra – che assume il significato di “ponte” tra due mondi e due epoche: un balletto americano degli anni ’70 su una sognante musica russa (Serghei Rachmaninov) dei primi del ‘900.

Il contrasto principale, comunque, resta quello interno al Lago dei cigni, ovvero tra il lirismo del passo a due dell’angelico Cigno Bianco, emblematico dei sentimenti più nobili nella versione Rudolf Nureyev, da Lev Ivanov, e quello virtuosistico del Cigno Nero che qui, nella versione Benjamin Pech, da Marius Petipa, diventa un passo a tre, piuttosto che a due, irresistibile e fascinosa creatura infernale dalla forte carica di erotismo.

I due brani che mandano sempre in visibilio il pubblico saranno rispettivamente interpretati dai due ballerini dell’Opéra di Parigi per il Cigno Bianco mentre il Cigno Nero da Ana Sophia Scheller IL CIGNO BIANCO E IL CIGNO NEROaccompagnata dalle stelle del Teatro dell’Opera di Roma, Claudio Cocino e Alessio Rezza.

I due “Cigni” fanno ormai parte dell’immaginario collettivo ed hanno recentemente ispirato, in occasione del gala Les Étoiles di Daniele Cipriani, sia i primi tutù della carriera dello stilista Roberto Capucci, che i due profumi “abbinati” di Laura Bosetti Tonatto: “White Swan” e “Black Swan”.

Altro contrasto de Il Cigno Nero sarà quello tra coreografia di tradizione e rielaborazioni moderne, come Black Swan del contemporaneo Marco Goecke, interpretata da Vittoria Girelli e Matteo Miccini del Balletto di Stoccarda; è una novità per il pubblico italiano.

Il Cigno Nero presenta altri momenti tratti da Il Lago dei Cigni come, ad esempio, la celebre Danza dei Quattro Cignetti con Rebecca Storani (già prima ballerina presso il Balletto di Catalonia) insieme a Maria Vittoria Frascarelli, Chiara Ranca e Sofia Masi della Compagnia Daniele Cipriani, il passo a tre con Alessio Rezza del Teatro dell’Opera di Roma, Rebecca Storani e Chiara Ranca e i ritmi incalzanti della Danza Spagnola che prepara l’atmosfera per l’entrata del Cigno Nero.

C’è qualcosa di dark insito nella Danza Spagnola: sarà perché già aleggia il famoso “Duende”, lo spirito che prende possesso dei ballerini di flamenco e di cui non possiamo non avvertire la presenza nello Zapateado di Sergio Bernal?

Che contrasto tra questo rovente Zapateado e il crepuscolare Cigno maschile (una coreografia creata alcuni anni fa da Ricardo Cue), interpretato sempre da Bernal sulla musica di Camille Saint-Saëns. Ma il gioco dei contrasti continua frapponendo questo “Cigno” maschile a quello femminile (La morte del cigno, creato da Mikhail Fokine – sempre sulla struggente musica di Camille Saint-Saëns – per la ballerina Anna Pavlova nel 1907), interpretato da Ana Sophia Scheller.

La trasformazione dell’eterea ballerina in spietata maliarda, del danseur noble in spirito indemoniato (e vice-versa): contrasti che faranno vibrare il palcoscenico del Teatro Coccia; in fondo sono l’espressione, nel linguaggio della scena, delle infinite sfaccettature e contraddizioni che rendono preziose e interessanti anche le nostre vite, e che ne Il Cigno Nero troveranno la loro sintesi nello scoppiettante Défilé finale.

Ufficio Stampa Daniele Cipriani Entertainment 

Simonetta Allder

ufficio stampa@danielecipriani.it

339 7523505

Ufficio Stampa Teatro Coccia – Novara 

Serena Galasso

ufficio.stampa@fondazioneteatrococcia.it

392 3020533

 

GRAN GALA IL CIGNO NERO

a cura di Daniele Cipriani

Video artisti Ginevra Napoleoni e Massimiliano Siccardi

TEATRO COCCIA DI NOVARA

12 e 13 febbraio 2022

danzano

Sergio Bernal (già Balletto Nazionale di Spagna)

Claudio Cocino (Teatro dell’Opera di Roma)

Vittoria Girelli (Balletto di Stoccarda)

Matteo Miccini (Balletto di Stoccarda)

Alessio Rezza (Teatro dell’Opera di Roma)

Andrea Sarri (Opéra di Parigi)

Ana Sophia Scheller (già New York City Ballet)

Bianca Scudamore (Opéra di Parigi)

Rebecca Storani (già Balletto di Catalunya)

Maria Vittoria Frascarelli, Sofia Masi, Chiara Ranca (Compagnia Daniele Cipriani)

Maitre de Ballet Stefania Di Cosmo Direttore di scena Annamaria Bruzzese,

costumi a cura di Anna Biagiotti si ringrazia la Fondazione Teatro dell’Opera di Roma

 

PROGRAMMA

Tre Preludi

coreografia Ben Stevenson

musica Sergei Rachmaninov

danzano Bianca Scudamore e Andrea Sarri

Pas de Trois da Il Lago dei Cigni

coreografia Marius Petipa

rimontata da Stefania Di Cosmo

musica Piotr I. Ciaikovsky

danzano Alessio Rezza, Rebecca Storani (Prima variazione), Chiara Ranca (Seconda variazione)

Black Swan

Coreografia Marco Goecke

Musica PIotr I. Ciaikovsky

danzano Vittoria Girelli, Matteo Miccini

 Zapateado

coreografia Sergio Bernal

musica Coetus

danza Sergio Bernal

La morte del cigno

coreografia Michel Fokine

musica Camille Saint-Saëns

danza Ana Sophia Scheller

Pas de quatre da Il Lago dei Cigni

coreografia Lev Ivanov

rimontata da Stefania Di Cosmo

musica Piotr I. Ciaikovsky

danzano Maria Vittoria Frascarelli, Sofia Masi, Chiara Ranca, Rebecca Storani

Pas de deux Il Cigno Bianco da Il Lago dei Cigni

coreografia Rudolf Nureyev da Lev Ivanov

musica Piotr I. Ciaikovsky

danzano Bianca Scudamore, Andrea Sarri

Il Cigno

coreografia Ricardo Cue

musica Camille Saint-Saëns

danza Sergio Bernal

Danza Spagnola da Il Lago dei Cigni

Coreografia Marius Petipa

rimontata da Stefania Di Cosmo

Musica Piotr I. Ciaikovsky

danzano Alessio Rezza con Maria Vittoria Frascarelli, Sofia Masi, Chiara Ranca, Rebecca Storani

Pas de deux (trois) Il Cigno Nero da Il Lago dei Cigni  

coreografia Benjamin Pech da Marius Petipa

musica Piotr I. Ciaikovsky

danzano: Ana Sophia Scheller (Odile), Claudio Cocino (Siegfried), Alessio Rezza (Rothbart)

 Défile finale

danzano tutti gli artisti

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.