Alessandro Baricco racconta Palamede

Alessandro Baricco prende parte all’anteprima estiva del Romeuropa Festival 2016il più importante festival italiano, indicato dal Wall Street Journal come uno dei quattro top festival in Europa, che animerà Roma dal 21 settembre al 3 dicembre. Da quasi trent’anni la manifestazione porta nella Capitale il meglio dell’arte contemporanea, un intreccio di culture e codici espressivi variegati, per tipologie e provenienze: danza, cinema, musica, teatro, arti visive, tecnologia, da ogni parte del mondo.

Prima dell’avvio vero e proprio della manifestazione è in programma una prima tranche estiva con la preview del progetto Patrimonio e Creazione, realizzato assieme alla Soprintendenza per l’area archeologica centrale di Roma. Due gli appuntamenti: la mostra “Par tibi, Roma, nihil” e “Palamede. La storia di Alessandro Baricco, entrambi nella suggestiva Area Archeologica del Palatino.

Palamede: il personaggio

Palamede fu uno dei capi dell’esercito greco nella guerra di Troia, tradito dal suo compagno d’armi Odisseo.

Lo scrittore incontrò per la prima volta questo personaggio quando si dedicava alla rappresentazione dell’Iliade e rimase molto colpito dalla storia di quest’uomo, al punto da incentrare sulle sue vicende uno spettacolo teatrale intitolato “Palamede, l’eroe cancellato“.

Palamede è per Baricco un “eroe cancellato” perché sconosciuto ai più, nonostante fosse un uomo di grande cultura e autore di numerose importanti invenzioni. Sono a lui attribuiti, da fonti diverse: parte dell’alfabeto, i dadi, un gioco assimilabile agli attuali scacchi e dama e persino l’introduzione dei pesi e delle misure. Stando a Plinio il Vecchio, inoltre, Palamede fu il primo a introdurre le sentinelle e i fuochi da segnalamento in guerra.

Perché, dunque, questa rimozione dalla storia e dalla letteratura di un eroe così importante?

Perchè era l’antagonista di Ulisse, molto più astuto e fraudolento rispetto all’integerrimo e colto Palamede; nello scontro tra questi due intellettuali prevalse il filone omerico, giunto fino ai giorni nostri. Di Palamede restano sparute tracce in opere classiche, in cui viene descritto come vittima di un’ingiustizia da parte di Odisseo: una lotta tra eroe e antieroe, tra buono e cattivo, che termina con Palamede condannato a morte e, ancora peggio, condannato alla rimozione dalla memoria collettiva.

E non hai sentito la storia di Palamede? Di sicuro, poiché tutti i poeti cantano di lui e di quanto fosse invidiato per la sua saggezza, e poi ucciso per mano di Odisseo.
(Senofonte, Memorabili, IV, 2, 33)

Palamede: lo spettacolo

Alessandro Baricco porta in scena una versione rivisitata dello spettacolo, appositamente pensata per lo stadio di Domiziano: le barriere tra racconto e spettacolo, tra narrazione e teatro vengono ancora abbattute, come lo scrittore ha sempre fatto nelle sue rappresentazioni. Anzi, stavolta anche di più:

L’ho fatto per un teatro molto particolare, l’Olimpico di Vicenza: là dentro era come un orologio che ticchettava senza errori. In teoria era quel Palamede che si era pensato di portare al Palatino. Poi però ho visto il posto: magnifico, solenne, vagamente magico. Ora: io, riguardo a posti come quelli ho una mia idea. Sono come enormi e antichissimi strumenti musicali: non bisogna andare a farci il teatro, bisogna suonarli. Che poi vuol dire partire da come sono fatti loro e cercare di farli risuonare con qualche storia, o visione, o magia. Quindi ecco quello che succederà: porteremo la storia di Palamede nello Stadio di Domiziano, e cercheremo di far suonare quei muri. Non sarà come andare a teatro. Oltre tutto, buona parte della gente se ne starà seduta per terra (mi è sembrato il miglior modo di stare là dentro). E comunque cercheremo di recitare il meno possibile. Non so spiegare esattamente perché, ma non è la cosa che mi sembri più appropriato fare, in posti del genere. Si tratta di far accadere una storia: è quello che cercheremo di fare.

La rappresentazione sembra porsi a metà tra teatro, cinema e quella tradizione omerica a cui la storia di Palamede rimanda, a quella trasmissione orale di storie sopravvissute nei millenni, intrise di amori, mitologia e guerre, fatte di grandi personaggi sfaccettati, volti a rappresentare l’umanità con le sue grandezze e debolezze.

Palamede. La storia” sarà in scena dal 4 al 9 luglio (riposo mercoledì 6 luglio) alle 21.30 con biglietti da 20 a 35 euro:

Lo spettacolo (prodotto da Elastica) è ideato, scritto e diretto da Alessandro Baricco, in scena con Valeria Solarino; concept audio e musiche originali di Nicola Tescari; luci e scenografia di Roberto Tarasco; costumi realizzati da Giovanna Buzzi – Low Costume.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.