Muore il free climber Dean Potter

Il free climber Dean Potter si è spento nella notte dopo una rovinosa caduta dalla famosa rupe di Taft Point, nel Parco di Yosemite. L’uomo, che era nato il 14 aprile 1972 nel New Hampshire (Stati Uniti d’America), era noto a tutti nel mondo degli sport “alternativi” (o forse sarebbe meglio dire estremi) come un grande arrampicatore dedito alle imprese più sensazionali e stravaganti.

Lo sport in cui si era specializzato negli ultimi anni era il cosi detto Base Jumping. Il termine B.A.S.E è un acronimo che sta per Buildings (palazzi), Antennas (luoghi elevati abbandonati), Span (ponti) ed Earth (letteralmente terra, ma che qui sta a indicare scogliere naturali). Il Base Jumping, lo sport in cui Dean Potter primeggiava, consiste nel lanciarsi da una qualsiasi altezza atterrando con un paracadute.

Dato che negli Stati Uniti d’America il Base Jumping è severamente vietato dalle autorità, Dean Potter e il suo compagno d’avventure Graham Hunt, di professione funambolo, si sono recati sul posto al tramonto, per eludere qualsiasi tipo di controllo. Qui, celati nell’ oscurità del Parco di Yosemite, sono saliti fino in cima alla rupe di Taft Point e si sono gettati nel vuoto. Qualcosa, purtroppo, è andato storto.

Quando alle nove di sera i due sportivi non sono tornati al punto di riunione solito, le autorità sono state prontamente avvertite e hanno iniziato le loro attività di ricerca. Poche ore dopo, i due corpi sono stati ritrovati nella zona a parecchi metri di distanza l’uno dall’altro. Stando alle ricostruzioni, il paracadute di Dean Potter si dovrebbe essere inceppato o, quantomeno, questa sembra essere l’ipotesi più plausibile. Le autorità hanno in ogni caso aperto un fascicolo sull’intera vicenda.

Nell’universo degli sport estremi, il quarantatreenne Dean Potter era una vera e propria celebrità. Nel 2003, ben dodici anni fa, l’americano era stato premiato con il titolo di World Alternative Sportsman of the Year, un riconoscimento importante nella ristretta cerchia (e forse non così tanto ristretta) degli amanti degli sport ad alto tasso di rischio.

Nell’ambiente il suo soprannome era “Daredevil“, nomignolo preso dal famoso personaggio dei fumetti della Marvel, di cui Dean Potter era appassionato. Oltre alle arrampicate in montagna senza cavi, lo statunitense si cimentava anche nelle “passeggiate” sulla corda fra due rupi, il tutto ovviamente senza alcuna protezione; inutile dire quanto sia estremo e pericoloso uno “sport” del genere. Ma non è tutto.

Ultimamente portava con sé nelle sue esibizioni anche il proprio cane, “Whisper“. Da ricordare, in ultimo, qualche record di Dean Potter: le scalate in brevissimo tempo dell’El Capitan, dell’Half Dome e del Fitz Roy.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.