Mostra ENJOY: l’arte incontra il divertimento

La mostra ENJOY. L’arte incontra il divertimento arriva a Roma dopo lo straordinario successo di LOVE. L’arte incontra l’Amore, visitata da oltre 150 mila spettatori. Entrambe le esposizioni, che si caratterizzano per un impianto social e partecipativo, sono curate da Danilo Eccher.

Alla base c’è un nuovo modo di fruizione dell’arte: non si è più passivi osservatori, ma parte integrante dell’impianto artistico. Si diventa co-creatori, usando un’espressione di Erwin Wurm.

Due progetti innovativi, dunque, interessanti, che per il loro uscire fuori dagli schemi e dalle convenzioni attirano soprattutto i giovani. Già tantissime sono le foto postate sui social con l’hashtag ufficiale #enjoychiostro.

La mostra ENJOY, inaugurata lo scorso 23 settembre, resterà aperta fino al 25 febbraio 2018. La sede dell’allestimento è il Chiostro del Bramante, stessa location della mostra LOVE.

Alexander Calder, Mat Collishaw, Jean Tinguely, Leandro Erlich, Tony Oursler, Ernesto Neto, Piero Fogliati, Michael Lin, Gino De Dominicis, Erwin Wurm; e ancora Hans Op de Beeck, Studio 65, Martin Creed, Ryan Gander, teamLab: ecco gli artisti protagonisti della mostra ENJOY. Tutti questi grandi nomi dell’arte contemporanea sono proiettati alla dimensione del gioco, del divertimento, ad una nuova concezione di spazio e arte.

Lo spettatore diventa piuttosto un partecipante, non solo un osservatore passivo. Viene invitato a scattare foto, a premere pulsanti, a toccare, a spostare oggetti, a viverli, a giocarci. Ad accompagnarlo nel percorso un’audioguida pronta a spronarlo a divertirsi, a ritrovare la dimensione del piacere e del divertimento.

E la parola “divertimento” a cui la mostra si riferisce va intesa nella sua accezione classica: portare altrove. Lo spettatore si trova immerso tra sculture, installazioni, palloncini, specchi e giochi di luci. Ma dietro il suo “altrove” ludico la mostra cela una riflessione che riporta all’attualità, al ruolo dell’arte e non solo.

Divertimento: dal lat. divertĕre, propr. ‘volgere altrove’

Mostra ENJOY: le opere esposte

La mostra si apre con una scultura di Alexander Calder, Red Mobile, che si muove al passaggio delle persone che vi camminano al di sotto. L’arte non avrebbe ragione di esistere, senza uno spettatore, senza un destinatario.

Segue The Centrifugal Soul di Mat Collishaw, un cosiddetto zootropio o gioco ottico a tema naturalistico.

Ecco poi le opere in movimento di Jean Tinguely, accompagnate da effetti sonori: le sculture si animano, prendono vita azionando un pulsante posizionato a terra, che spetta allo spettatore premere.

Nella stanza seguente trova spazio Obscura, installazione video di Tony Oursler: l’artista, particolarmente attratto dall’occhio umano, lo riproduce assimilandolo alla camera oscura fotografica. Nella stanza ci sono degli enormi video-occhi all’interno dei quali, se osservati bene, si riescono a vedere le immagini che quegli occhi stessi stavano osservando, quando sono stati ripresi. Un guardare mentre si è a propria volta osservati, insomma: Oursler rappresenta l’ossessione voyeuristica moderna, il bisogno continuo di consumare immagini.

Altre due installazioni digitali sono il Prisma meccanico dell’italiano Piero Fogliati (un proiettore luminoso con dischi di gelatina colorata illumina palette di alluminio bianco e scompone la luce proiettandola su una parete) e l’installazione sonora Risata continua di Gino De Dominicis, una risata ininterrotta che accompagna il procedere dello spettatore verso le stanze successive.

Mostra Enjoy: le altre opere esposte

Trovano poi spazio le due sculture del brasiliano Ernesto Neto (In the corner of life e Caring time), le opere dell’artista austriaco Erwin Wurm (One minute Sculptures e Drinking Sculptures) e poi la torta gigante di Hans Op De Beeck, After the Gathering

Solo in apparenza si tratta di un’installazione che vuole trasmettere allegria e rimandare a una situazione di festa: la torta è già stata in parte mangiata, le candeline sono state spente, i pezzi di frutta sono sparsi sul vassoio e non ben disposti. Quindi il tempo della storia che Hans Op De Beeck descrive è quello della festa ormai finita, quando gli ospiti sono andati via, quando la gioia dell’attesa e la sorpresa che precede lo scartare i regali sono già passate. L’artista ci descrive “l’attimo dopo”, il fluire inesorabile del tempo, il disfacimento, ciò che c’è dietro l’apparenza di una appetitosa torta.

La mostra si chiude con la poltrona a pois di Topolino Mickey dei sogni di F. Audrito e A. Sampaniotoula stanza dei palloncini rossi Work no. Half the air in a given space di Martin Creed (una sala riempita per metà da palloncini rossi) ed infine Flowers and people – Dark del Team Lab. Quest’ultima è un’installazione digitale interattiva realizzata come se fosse un vero e proprio dipinto in movimento. I colori sono accesi e le luci vivide, i fiori si schiudono, volteggiano come mossi da soffi di vento o come se fosse lo spettatore ad alitare sui petali, spostandoli.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.