I GIOVANI E IL COVID 19

Please follow and like us:

I GIOVANI E IL COVID 19

by Martina Servidio

Sono stati inizialmente ringraziati da tutti i rappresentanti istituzionali per l’impegno e il rispetto delle regole che hanno seguito durante il lockdown; vengono ora additati come coloro che hanno fatto impennare la curva dei contagi con le vacanze e la movida.

I giovani stanno vivendo un 2020 molto complesso dal punto di vista emotivo, relazionale e psicologico con il Covid19 e questo periodo invernale si preannuncia altrettanto delicato perché sono coscienti che dovranno affrontare la fase di convivenza con la pandemia con più di un sacrificio.

E’ forte, infatti, il desiderio di tornare alla normalità ma è angosciante non poterne conoscere la data.

Questa pandemia è un evento che non ha precedenti al mondo, ci ha trovati tutti impreparati ad affrontarla e l’unica vera misura di prevenzione – al momento –  è legata al comportamento umano.

La fascia di età giovanile è caratterizzata dalle intense relazioni sociali dove il contatto interpersonale è fondamentale per la crescita e la formazione delle singole personalità. Troncare all’improvviso la vita relazionale è stato certamente un duro colpo.

Il Covid 19 ha di fatto smontato la teoria che rappresenta i giovani sempre più rifugiati nelle relazioni virtuali e lontani dalla realtà che è fatta invece di socialità, di luoghi d’incontro e di contatto fisico, si è invece provato un senso di smarrimento per l’assenza di relazioni sociali.

Al termine del lockdown è stato praticamente impossibile impedire episodi di movida proprio perché il sentimento di aggregazione è una motivazione molto forte nei ragazzi.

Forse se si fosse valutato opportunamente, oltre alle necessarie valutazioni mediche, numeriche e statistiche, anche l’aspetto psicologico che avrebbe toccato i giovani “all’uscita dal lockdown” avremmo avuto meno contagi; è la “psicologia delle masse

La quale avrebbe suggerito che sarebbe scattato il cosiddetto “meccanismo di rimozione” delle ansie del passato e quindi “liberi tutti” dimenticando che il Covid 19 colpisce tutti e non solo adulti e anziani a rischio.

Si poteva fare un ragionamento in prospettiva a medio – lungo termine pensando a cosa poteva accadere nel futuro.

Ora dobbiamo affrontare il periodo che ci attende con una maggiore consapevolezza basata sulla razionalità e rispetto delle regole. Si può e si deve vivere in totale sicurezza e non possiamo dimenticare che stiamo convivendo con un virus assassino e silente. Non possiamo al momento condurre la vita di prima e questa nuova realtà ci impone un comportamento contrario a quello che ci viene spontaneo.

Il Covid 19 difficilmente potrà aggredire un giovane ma potrebbe però creargli problemi nella sua vita futura, ricordiamolo.

Non teniamo comportamenti errati, non rischiamo, non siamo “fighi” nel non indossare la mascherina, non disinfettarci le mani e non tenere la distanza interpersonale di sicurezza.

Grazie.

Martina Servidio

 

Questo articolo stato pubblicato in . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *