Disoccupazione co co co al via

L’Inps rende noto che è ufficialmente operativa l’indennità di disoccupazione per i co co co, cioè per coloro che hanno un contratto di lavoro come collaboratore coordinato continuativo o come collaboratore a progetto, come espresso nel decreto legislativo n. 22 del 2015. L’indennità prevista dal Job act renziano in via sperimentale è stata quindi formalizzata e istituzionalizzata dall’ente della previdenza sociale

Disoccupazione Co.co.co Inps

disoccupazione co co co

disoccupazione co co co

L’inps formalizza l’indennità di disoccupazione per i Co.co.co., che prende il nome di DIS-Coll, con la circolare n.83 del 27 aprile scorso, che elenca i requisiti per potervi accedere. Tali requisiti sono i seguenti:

  • Essere disoccupati
  • Avere almeno tre mesi di contributi nell’anno precedente in cui si è perso il lavoro
  • Aver percepito un compenso pari almeno alla metà di 1295,66 euro

È obbligatorio, da parte del lavoratore, per dimostrare lo status di disoccupazione  secondo l’articolo 2, comma 1 del decreto legislativo 181 del 2000, iscriversi alle liste del centro per l’impiego, dando disponibilità a corsi di aggiornamento e a eventuali offerte di lavoro.

Dopo la notifica al centro per l’impiego la domanda di disoccupazione deve essere presentata o per via telematica direttamente dal sito dell’Inps attraverso il Pin dispositivo, o in alternativa si può compilare la richiesta direttamente dal proprio ufficio Inps di competenza.

Disoccupazione Co.co.co. patronato

disoccupazione co co co

disoccupazione co co co

In alternativa, se non ci si vuole perdere tra i meandri degli uffici territoriali Inps, notoriamente molto affollati, si può inoltrare la domanda per la disoccupazione da un patronato. Questi uffici sono infatti in grado di collegarsi direttamente con l’Inps e quindi possono inoltrare qualsiasi tipo di richiesta all’Ente di Previdenza Sociale Nazionale.

Grazie a questa riforma del lavoro, anche chi lavora come collaboratore a progetto potrà contare sul sussidio di disoccupazione e quindi su un introito certo per alcuni mesi dopo la cessazione del rapporto di lavoro. Naturalmente si tratta di una piccola vittoria per il mondo del precariato formato da milioni e milioni di individui che dopo diversi anni di lavoro sottopagato non riescono a raggiungere l’oasi felice che meritano, ma chissà, forse è un primo passo del Governo Renzi per ridare un futuro ai lavoratori del nostro Bel Paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.