Davide Lazzaretti

Il Profeta dell’Amiata

“Storia di Davide Lazzaretti e dei fatti accaduti in Arcidosso”; questo è il titolo della rappresentazione artistica che sabato 11 e domenica 12 abbiamo ammirato sul palcoscenico del “Barnum Seminteatro” di Roma.

Scritta da Roberto Magnani e magistralmente interpretata dallo stesso, con una scenografia pulita, essenziale, ricca solo di pochi oggetti- simbolo che danno immediatamente l’idea sia del mestiere di Davide Lazzaretti  (barrocciaio) che dei vari e successivi episodi che lo vedono coinvolto – nel tempo – sino alla sua uccisione.

Ottime le musiche che ricreano il mondo pastorale del Monte Amiata dove si svolgono i fatti e della voce cantante che ha “scovato” le antiche canzoni di questa dura terra.

Nel 1878 fu ucciso dal moschetto di un carabiniere Davide Lazzaretti quello che ancora oggi viene chiamato il Santo Davide, il fondatore della Chiesa Giurisdavidica.

Quel giorno egli aveva organizzato una processione ed era seguito da circa 200 confratelli, tutti contadini semi analfabeti ma ricchi di speranza di una vita migliore e di dignità innata tipica della gente “amiatina”.

Questa povera comunità di preghiera, dove ognuno contribuiva con il suo lavoro e con lo scarso ed umile cibo che riusciva a produrre, scendeva dalla piccola cima di Monte Labro, scosceso, arido, sassoso ma, alle porte di Arcidosso, furono bloccati dalle forze dell’ordine costituito che uccisero Davide Lazzaretti ed altri 4 fedeli ferendo circa 30 persone.

davide lazzaretti labro

davide lazzaretti labro

Con tutta probabilità questa fu la prima strage di stato dell’Italia unita.

Per cercare di coprire quella strage fu intentato un processo cercando di far ricadere su di loro tutta la responsabilità dell’accaduto; il processo si concluse con l’assoluzione degli imputati e cadde – volutamente – nell’oblio.

Davide Lazzaretti fu un personaggio scomodo sia per la Chiesa di Roma della quale criticava a gran voce i dogmi fondanti affermando che essa aveva ormai esaurito la sua funzione cristiana, sia per il potere laico rappresentato dai “Signori” nobili e proprietari di immensi latifondi che esercitavano tale potere nella più disumana maniera riducendo alla fame i contadini.

E’ facile comprendere che questo rivoluzionario e pericoloso personaggio, Davide Lazzaretti, che era riuscito con parole semplici, con la preghiera autentica, e con l’umile esempio a scardinare il perfetto potere, sia ecclesiastico che laico, doveva essere fermato.

Roberto Magnani ci racconta tutto questo con grande intensità che ci accompagna nell’animo del personaggio, nei luoghi di svolgimento, insieme a quella gente come se – per incanto – si materializzasse sul palcoscenico.

roberto magnani

roberto magnani

Riferimenti storici, frasi in dialetto dell’Amiata, musiche, canti, ed accenni di danza antica con gli strumenti musicali del tempo: tutto questo è il monologo di eccellente livello condotto da Roberto Magnani.

di e con Roberto Magnani

musiche di Alessandro Morganti e Marco Franceschelli

voce cantante Lorella Minelli

compagnia teatrale “Né Arte né Parte”

Davide Lazzaretti, una storia da conoscere

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.