Covid19 come lo affronta Filo&Fibra

Covid19 come lo affronta Filo&Fibra

Sociale 243

 

Covid19 come lo affronta Filo&Fibra

Scopriamo insieme questa giovane realtà di cooperativa di comunità che realizza manufatti tessili ed opera nel rigoroso ed antico rispetto artigiano che si tramanda nel tempo.

Filo&Fibra non è solo manifattura ma economia circolare attraverso il recupero della lana raccolta nelle aziende agricole del territorio; è design d’arredamento e arte.

San Casciano dei Bagni (SI) è l’antico comune a sud-est della Toscana dove è nata la cooperativa.

Parliamo con Gloria Lucchesi che è la presidente della Cooperativa Filo&Fibra

Buongiorno Gloria, ci puoi illustrare come è sorta la Cooperativa?

La Coop femminile di comunità Filo&Fibra si costituisce nel  novembre del 2018  grazie al sostegno della Regione Toscana ai sensi del DD 21060 19-12-2018 e alla collaborazione del Comune di S. Casciano dei Bagni. Con la Legge regionale del 14 novembre 2019, n. 67, la Regione Toscana riconosce e promuove il ruolo della cooperazione di comunità

Le cooperative di comunità si costituiscono con l’obiettivo di mantenere vive e valorizzare comunità locali a rischio spopolamento con particolare riferimento a quelle situate in territori montani.

Filo&Fibra ha visto una grande occasione in questa opportunità.

Ho approfondito la lettura del vostro sito https://www.filoefibra.it/ e vorrei evidenziare l’importante visione che ponete nell’utilizzare lane di produzione e lavorazione locale e fibre di tradizione; perché questa scelta ben più onorevole ma difficile rispetto ad una produzione commerciale e massificata?

Filo&Fibra nasce con l’intento di portare innovazione e una nuova visione della tradizione attraverso l’economia circolare e da contaminazione, rispettosa dell’ambiente e delle potenzialità del territorio.

Le sue produzioni e realizzazioni sono il risultato di una spiccata curiosità per la ricerca, spirito di collaborazione e di coesione, continuità nello scambio di esperienze personali e professionali.

L’artigianato e la qualità dei prodotti stanno alla base della filosofia di Filo&Fibra.

Economia Circolare e Economia da Contaminazione: è la vostra idea di una nuova Economia. Ci puoi illustrare meglio il vostro pensiero?

L’intento di Filo&Fibra è quello di promuovere un progetto etico, sostenibile e solidale attraverso l’Economia Circolare da Contaminazione e Recupero.

 L’economia circolare:

La lana che raccogliamo è un RIFIUTO SPECIALE, quindi ritenuto dannoso per l’ambiente. Il nostro progetto si è posto l’obiettivo di raccogliere la lana ordinaria e ricostruirne la filiera per la produzione di filati e tessuti che, una volta realizzati, tornano sul territorio locale per la produzione di accessori o manufatti tessili.

  • I tessuti e filati prodotti dalla lana di Filo&Fibra sono garantiti liberi da micro-plastiche, in linea con tutte le iniziative volte al rispetto dell’ambiente.
  • Anche l’ARTE è parte importante della nostra economia circolare. Gli acquerelli di Paola Caselli, gli erbari e il racconto fotografico del luogo di Annamaria Eustachi evidenziano sguardi insoliti che appartengono alla memoria.
  • DESIGN e architettura di Giacomo Bernardini attraverso le linee essenziali della storia dell’architettura, i materiali locali, come il feltro, il legno, il ferro e gli artigiani locali aprono un progetto originale in collaborazione con lo studio Funzione & Forma.
  • Le STILISTE Cinzia Marini ed Elisa Pizziconi collaborano con Filo&Fibra.
  • Altro obiettivo è quello di riutilizzare MATERIALE DI SCARTO o di fine produzione o derivato dal riuso (economia circolare). Per la stampa su stoffa o su carta sono utilizzati inchiostri alimentari, al fine di promuovere prodotti eco sostenibili.

 L’Economia da contaminazione:

L’obiettivo è quello di entrare in rete con piccole aziende familiari o cooperative etiche nel mondo e collaborare, anche, con realtà italiane che prediligono la lavorazione eco-sostenibile nel rispetto dell’ambiente e degli animali.

Descrivici per favore da chi è composta la Cooperativa Filo & Fibra e le abili sarte che realizzano i vostri prodotti.

Covid19 come lo affronta Filo&Fibra

È una cooperativa di comunità prevalentemente composta da donne. I soci fondatori sono singole persone fisiche ma anche associazioni e aziende agricole tutte residenti nel Comune di San Casciano dei Bagni in provincia di Siena. Per adesso siamo 10 soci ma decine di persone, su territorio regionale e nazionale, stanno credendo e aiutando Filo&Fibra. Grazie al sostegno del Comune abbiamo una sede con due locali nel centro polivalente di Celle Sul Rigo che ospita il laboratorio e un coworking, servizio importante e necessario per il territorio. Oltre alle varie attività Filo&Fibra sta cercando di riscoprire i vecchi mestieri, la sarta è uno di questi. Nella cooperativa sono presenti maestre sarte che insegnano e giovani sarte esperte che producono manufatti di alta sartoria ma anche creative esperte in cucito e allievi che seguono i nostri corsi nel laboratorio. Tra i tanti progetti abbiamo proposto La Sarta in piazza un appuntamento bisettimanale nei piccoli paesi del comune che ha trovato molto interesse tra le persone non solo per la fattura di nuovi capi ma per il riadattamento di materiale usato.

Oltre a realizzare prodotti in tessuto utilizzate anche altre materie prime?

Si, utilizziamo materie prime naturali di tradizione come il lino, la canapa, la seta ma anche l’ortica. Purtroppo non sempre è possibile trovare materiale da manifatture italiane. Il nostro obiettivo primario era inizialmente quello di produrre feltro dalla nostra lana ordinaria ma, per il momento, non è stato possibile per motivi tecnici; ci appoggiamo a ditte che producono materiale etico nel rispetto di ambiente e animali. Usiamo anche altri tipi di materiale presenti sul territorio come il legno di cipresso, il castagno e l’abete. Grazie alla collaborazione di sapienti artigiani locali produciamo oggetti di vario tipo. Un prodotto che sta riscuotendo particolare interesse realizzato con legno stoffa e lana, è la cassetta di cottura, un oggetto che cuoce attraverso il principio di inerzia termica.

Covid19 come lo affronta Filo&Fibra

Veniamo al punto fondamentale del nostro incontro: tutti noi stiamo vivendo questo periodo emergenziale imposto dal Covid-19 che sta segnando la nostra epoca ed ha, purtroppo, evidenziato brutalmente una generale impreparazione nell’affrontarlo. Cito, ad esempio, la mancanza generalizzata delle mascherine. Ho letto il vostro appello per reperire un fornitore nazionale in grado di approvvigionarvi di Tessuto non Tessuto. Ci puoi parlare più diffusamente di questo progetto socialmente utile?

In questa difficile emergenza, Filo&Fibra vuole dare un contributo concreto ed immediatamente operativo e si propone quindi nella manifattura di mascherine garantite.

Ci siamo attivati alla ricerca di materiale garantito, un TNT sanitario, adeguato al contatto con la pelle e che è studiato per la respirazione. La ricerca ci ha portato buoni risultati che saranno verificati nei prossimi giorni.

Ripeto quali sono le caratteristiche tecniche del Tessuto non Tessuto a tre strati di polipropilene che stiamo cercando per la realizzazione di mascherine: Resistenza respiratoria fino a 29 Pa/cm2 e una Efficienza di Filtrazione Batterica (BFE) superiore al 97%.

Ci stiamo anche impegnando a creare una rete con altre persone e realtà lavorative: l’obiettivo è unire le nostre rispettive competenze, esperienze e disponibilità di mezzi per accelerare la produzione di mascherine nel rispetto delle normative.

Filo&Fibra crede che sia importante adesso, più di sempre, essere uniti, solidali e pronti alla collaborazione. Non importa essere in un piccolo paese a rischio di spopolamento per sentirsi Comunità.

Gloria, aggiungo che con la vostra lettera qui allegata, avete già interessato tutte le Istituzioni regionali offrendo la vostra collaborazione per la realizzazione delle mascherine, ci auguriamo si possa concretizzare.

Covid19 come lo affronta Filo&Fibra

Grazie Gloria, cosa altro vuoi dire ai lettori?

Cari lettori, la condivisione e il rispetto stanno alla base del nostro futuro. Mille auguri a tutti, adesso ne abbiamo ancor più bisogno.

 

PH Anna Maria Eustachi

Author

Leave a comment

La Macina Magazine
Rivista ufficiale dell’Associazione La Macina Onlus
Registrata presso il Tribunale di Roma
Autorizzazione n. 47/2015 del 23/03/2015

Back to Top

Shares