Una porta sul futuro: la questione femminile oggi

Posted on Ott 20 2016 - 8:22pm by Elisa Landolfi

 

Non sappiamo se il titolo dell’articolo del New York Times del 1943 era: “Una porta sul futuro: la questione femminile oggi“ , sappiamo però che la risposta alla domanda circa la natura del femminismo di Rebecca West è di un’attualità incredibile :“Io stessa non sono mai stata in grado di scoprire cosa è esattamente il femminismo; so solo che la gente mi chiama femminista ogni volta che esprimo sentimenti che mi differenziano da uno zerbino.”

Rispondeva cosi , infatti al New York Times durante un’intervista rilasciata nel 1943, alla domanda “cos’è il femminismo”, Rebecca West, scrittrice britannica molto impegnata nella causa femminista che si diffondeva a macchia d’olio in Europa proprio in quegli anni.

È curioso chiedersi cosa penserebbe la scrittrice se oggi dovesse scoprire che la domanda postagli è ancora incredibilmente attuale e la sua risposta ritorna come un tuono nelle menti di chi legge.
Si perchè il fenomeno spesso relegato alle pagine di storia del passato, trova oggi nuovo vigore ponendosi come una porta sul futuro, e affermando nuovamente la questione sul femminismo oggi.

Parrebbe difatti, un controsenso affrontare oggi l’argomento della questione dell’emancipazione femminile. Anacronistico quasi e invece purtroppo è di un’attualità spaventosa.

La questione esiste, e va per certi versi ancora affrontata legiferando in tal senso. Certo è che la testa sotto la sabbia non bisogna nasconderla, e senza dubbio alcuno possiamo dire che gli anni dei movimenti femministi, l’avanzare del progresso, della tecnologia e del benessere, abbiano in qualche modo contribuito a far acquisire alle donne una maggiore identità e consapevolezza. La parità dei sessi raggiunta in alcune società a regimi democratici e liberi ha indubbiamente ricondotto le donne a riscoprire la propria affermazione fuori dalle mura domestiche, rompendo gli schemi sociali che le vedevano relegate al ruolo di genitrice, e focolare della casa di famiglia. Nulla togliere al meraviglioso e assolutamente necessario desiderio da parte di una donna di essere madre e moglie. L’esperienza della maternità è assolutamente uno dei momenti della vita concessi per natura solo alle donne di un’estrema totalità e magnificenza.

Eppure il problema, o per meglio dire la questione spinosa si sposta piuttosto sulla possibilità di scelta da parte delle donne di essere madre oppure no, di essere una professionista oppure no. È da quando la donna ha iniziato ad avere possibilità di scelta rispetto alla posizione da ricoprire nella società che alcuni problemi son venuti fuori. La donna ha scelto di entrare in società, con le stesse carte dell’uomo, ed è qui che il meccanismo per certi aspetti sembra essersi bloccato: la società non era ( in alcuni casi non lo è tutt’oggi) pronta ad accogliere questo nuovo modello.

Contratti del lavoro che prevedono il licenziamento in caso di gravidanza, responsabili delle risorse umane che al momento dei colloqui chiedono sempre più spesso alle candidate se hanno la volontà di fare un figlio. Come se una cosa dovesse escludere l’altra. Come se affermarti lavorativamente non prevedesse la possibilità di affermare l’essere donna nell’ambito privato e familiare. Senza spostarci troppo dalla nostra penisola, le cronache ci ricordano spesso che in molti luoghi risulta ancora inaccettabile che una donna single abbia un bambino, una casa tutta per sé e che occupi posti di dirigenza politici, pubblici, privati. Colpa di una cultura spesso troppo radicata e dura a morire.

emancipazione-femminile

Colpa di una scarsa e mal distribuita informazione. Eppure ancor troppo spesso le donne devono interfacciarsi con realtà basate su sistemi maschilisti che non le accolgono o che non sono organicamente attrezzati per incontrare le esigenze di una donna, biologicamente diverse da quelle degli uomini. Questo porta a riflettere sul fatto che la consapevolezza, l’affermazione della propria identità, l’emancipazione tutta rischia così di diventare a tutti gli effetti una condizione negativa, sottoposta a pesanti pregiudizi e discriminazioni piuttosto che essere fonte di privilegi.

Sicuramente non bisogna approcciarsi alla questione come un fatto compiuto. L’emancipazione femminile è ancora tutt’oggi in essere e se indiscutibilmente dei passi in avanti sono stati fatti, ci sono in ogni caso le basi che lasciano auspicare un vero compimento del concetto di emancipazione e parità tra sessi i cui semi sono stati lanciati nel secolo scorso. Quindi una questione aperta. Una porta sul futuro che riporta ad oggi la questione sul femminismo.

About the Author