All’Ambra Jovinelli Favino porta in scena Koltès

La notte poco prima delle foreste viene scritto da Bernard Marie Koltes nel 1977. È uno dei testi più intensi della sua produzione drammatica, che comprende sia monologhi che testi a più voci.

La Compagnia degli Ipocriti aveva presentato questo testo nel 2001 affidandolo alla recitazione di Giulio Scarpati e alla regia di Nora Venturini.

Lo scorso 11 gennaio la Compagnia ha debuttato al Teatro Ambra Jovinelli di Roma con un nuovo adattamento di questo monologo, per la regia di Lorenzo Gioielli (direttore artistico dell’Accademia STAP BRANCACCIO) e interpretato da Pierfrancesco Favino. Lo spettacolo ha riscosso un grandissimo successo.

L’attore romano si era già confrontato con La notte poco prima delle foreste 8 anni fa. Da allora, come da lui stesso dichiarato nelle Note dell’Interprete, ne era rimasto profondamente colpito e affascinato.

Mi sono imbattuto in questo testo un giorno lontano, mi sono fermato ad ascoltarlo senza poter andar via e da quel momento vive con me ed io con lui. Mi appartiene, anche se ancora non so bene il perché.

Un unico cruccio: quello forse di aver ‘macchiato’ quella prima interpretazione con una vena di ambizione che non aveva fatto emergere fino in fondo l’umanità e la bellezza del testo.

Questo attaccamento di Favino a Koltes e in particolar modo a La notte poco prima delle foreste traspare durante tutto lo spettacolo all’Ambra Jovinelli. Recita con intensità, stavolta senza ambizione. Il pubblico entra in forte empatia con lui, che si fa da parte lasciando sul palcoscenico solo lo ‘straniero’ protagonista del monologo.

L’uomo è alla ricerca di un posto dove passare la notte, per questo ferma un passante per strada. A lui affida le sue parole, le sue storie che raccontano di solitudine, di abbandono, di moralità, di oppressione.

Perché la notte poco prima delle foreste è questo: è un punto di non ritorno della nostra umanità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.