Pensione casalinghe: come richiederla

Anche le casalinghe possono contare su una pensione a loro dedicata, parliamo della pensione casalinghe, fortemente voluta dalle associazioni di categoria per valorizzare e mettere sotto la luce di tutti il vero e proprio mestiere della casalinga, fatto di pianificazione degli obiettivi e duro lavoro che spesso dimentichiamo. In questa breve guida prenderemo in esame come richiedere la pensione casalinghe, in modo che le donne che lavorano in casa possano sapere come fare per ottenerla e quali sono i requisiti.

Pensione casalinghe requisiti

pensione casalinghe

pensione casalinghe

Il fondo a cui attinge la pensione casalinghe è stato creato nel 1997, e prevede il limite di età a 65 anni, anche se in alcuni casi si può iniziare a percepire la rendita a 57 anni. Prima dell’istituzione di questo fondo esisteva la Mutualità Pensioni, che gestiva i versamenti volontari di chi lavorava per la propria casa. Chi era iscritto a questo fondo è ormai passato dal 1997 in automatico al nuovo, dopo aver compilato un apposito modulo per rendersi conto dell’avvenuto trasferimento dei contributi. La richiesta può essere fatta anche online tramite il sito dell’Inps.

Per quanto riguarda i requisiti, sono abbastanza semplici, infatti, come spiega anche il nome, il Fondo Casalinghe è stato creato per garantire i diritti previdenziali a coloro che svolgono lavori di cura non retribuiti in virtù di responsabilità familiari, siano questi uomini o donne di età compresa tra i 15 e i 65 anni.

Pensione casalinghe come iscriversi

pensione casalinghePer iscriversi alla pensione casalinghe non si deve essere iscritti ad altri enti previdenziali o si deve avere un lavoro part time inferiore alle 24 ore settimanali. Così facendo quando si è in età pensionabile si potrà contare su un piccolo fondo mensile a cui attingere per il proprio fabbisogno.

L’importo che si versa è libero anche se non deve essere inferiore ai 25,82 euro mensili, che stabiliscono quindi il versamento minimo per potersi garantire la pensione. Il modulo per l’iscrizione può essere presentato o direttamente all’Inps tramite le agenzie sul territorio o per via telematica tramite il sito web. In alternativa si può far inoltrare la pratica da un patronato che ha accesso diretto agli uffici Inps e aiuterà, i meno esperti, a compilare il modulo.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.